Pistole e maschere in viso: banditi
assaltano la villa e legano la famiglia

TAMAI DI BRUGNERA - L'assalto di mattina presto nella villa armati di pistole e con maschere di Carnevale, padre, figlio Massimo e mamma legati per ore, poi finalmente il filgio riesce a liberarsi e finalmente dà l'allarme.



Terrore nell'abitazione di Giuseppe Verardo, ex dipendente della ditta Maronese di 76 anni, a Tamai di Brugnera; quattro banditi si sono introdotti nella sua casa, hanno immobilizzato, colpito con il calcio della pistola e legato il figlio Massimo (49 anni) e costretto la moglie Mariangela Pivetta, di 73 anni, a consegnargli oro e denaro.
 



Poi li hanno immobilizzati, hanno razziato la villa e sono fuggiti. La vicenda non è finita qui: i rapinatori sono scappati a bordo di una Pegeut 206 ma pochi chilometri dopo hanno fatto un incidente a Fontanafredda, in via Levada. A quel punto sono scesi dalla vettura e sono fuggiti con un altra auto.
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Gennaio 2016, 09:38





Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pistole e maschere in viso: banditi
assaltano la villa e legano la famiglia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2016-01-08 10:11:46
... è l'Italia di Renzi.
2016-01-08 10:31:23
Non mi dite che saranno i soliti predoni dell'est...
2016-01-08 10:33:34
parlavano in perfetto italiano con accento balcanico?
2016-01-08 10:36:08
Scommettiamo????
2016-01-08 10:41:35
Ora la colpa sara' imputata all'imprenditore che avra' insultato i rapinatori e quindi avra' procurarato loro ansia e quindi si sono agitati mentre guidavano