Il parroco anti-gay, camion fuori
dalla chiesa: «Ecco la vera famiglia»

PER APPROFONDIRE: gay, parroco, pordenone, scritta
Il camion vela parcheggiato davanti alla chiesa

di Marco Agrusti

CORDENONS (PORDENONE) - Fuori dalla chiesa di Santa Maria Maggiore, il camion-vela firmato da Appleface, il gruppo d'informazione pordenonese con la scritta «Questa è una famiglia come Dio comanda. Vaticano, Governo e scuole vogliono insegnarci il contrario».



All'interno dell'oratorio della piazza un centinaio di persone, la sala piena, forse oltre le aspettative, nonostante la serata festiva. Il tema, evidentemente, era sentito.



Al microfono don Alessandro Moro, che il «sasso» l'ha lanciato per primo, con quel volantino di critica nei confronti del progetto anti-discriminazione adottato dalle scuole cordenonesi e promosso da Arcigay. Ad ascoltare tanti genitori, giovani e meno giovani.



Sulla graticola gli argomenti già bollenti della teoria di genere, del contrasto all'omofobia, dell'educazione sessuale dei minori in ambito scolastico. «È evidente che l'obiettivo si è spostato - ha detto don Moro alla platea - dalla difesa degli omosessuali dalla discriminazione, alla sollecitazione a scegliere identità di genere come una determinante rispetto all'identità naturale. La scuola - ha attaccato nuovamente il parroco - ha disatteso l'obiettivo principale del progetto, ovvero il coinvolgimento delle famiglie, nascondento la vera paternità del progetto educativo. È giusto - ha provocato il parroco di Santa Maria Maggiore - che la scuola deleghi ad Arcigay l'educazione sessuale dei vostri figli?».



E dalla sala è partito un coro di «no». «L'appello - ha concluso don Moro - è rivolto a genitori e insegnanti cattolici, perché non dicano "non sapevamo". Ora la responsabilità passa a voi».



Alla conferenza è intervenuto anche il comitato di genitori e insegnanti «Vogliamo educare i nostri figli», che ha fornito la sua versione della teoria di genere: «È una teoria assurda - hanno detto i rappresentanti del comitato - che spaccia ideologie per dati scientifici. L'educazione, ormai, non compete più ai genitori. Tutto ciò porta a uno sperimentalismo sessuale precoce, al quale sono esposti i nostri figli, e questo avviene senza alcuna consultazione dei genitori. Non siamo più al sicuro, dobbiamo entrare nei consigli d'istituto e vigilare». Numerosi gli interventi dal pubblico, tra chi ha continuato ad attaccare le scuole e chi si è schierato dalla parte del progetto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 3 Giugno 2015, 18:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il parroco anti-gay, camion fuori
dalla chiesa: «Ecco la vera famiglia»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 152 commenti presenti
2015-06-09 10:38:28
E' in fallo totale. Si studi come era fatta la famiglia nella Roma antica, prima di blaterare fesserie.
2015-06-08 14:58:15
Tanto tra qualche tempo l'ottusità di questa gente si studierà a scuola, come si studia quella di chi impose l'apartheid in Sud Africa, in cui tra le varie cose veniva impedito il matrimonio "misto" tra persone bianche e di colore. E' troppo lampante come si sia di fronte alla stessa cosa ora. Io sono certa la storia di Italia ed Europa vada nella direzione del buon senso, e queste difficoltà saranno superate un giorno con il raggiungimento dei diritti civili che ora vengono calpestati. Fino ad allora io mi baso su tolleranza e comprensione, una serie di doti che molti omofobi, spesso, ma non sempre, cattolici, nemmeno sanno cosa significhino.
2015-06-08 13:26:39
...questa è stata. è e rimarrà sempre e comunque la famiglia. non la mia famiglia, cose potrebbe sembrare. ma la famiglia in quanto non ce ne sono non ci sono mai state e mai ci saranno altre altre.. la chiesa, la religione, l'educazione sessuale non c'entra....
2015-06-08 10:59:08
Ma ancora alle lobby gay crede? Ma si svegli, siamo nel 2015 e lei crede a tutte le boiate che le fanno comodo in maniera così ingenua! Ma si svegli... Non è possibile che lei viva ancora nel mondo dei sogni. Non è nemmeno credibile. Ma per piacere...
2015-06-07 21:33:31
È sconcertante vedere come nel 2015 ancora ci propongano un modello di famiglia univoco e stereotipato ... un perbenismo osceno. Per quanto riguarda l'educazione sessuale, non ci vedo nulla di male che nelle scuole si insegni che esiste anche l'omosessualità, persone che sono sessualmente attratte da persone del loro stesso sesso. Infine, i parroci, la Chiesa e compagnia bella la dovrebbero smettere di mettersi in questioni che non li riguardano. Non mi risulta che Gesù si sia occupato di questioni di sessualità`,famiglia e procreazione. La Chiesa ha controllato la vita sessuale del mondo occidentale per 2000 anni, ha francamente rotto le scatole!