Mille giovani sono disoccupati, ma non si trovano gli operai

PER APPROFONDIRE: azienda, fabbriche, lavoro, pordenone
Mille giovani sono disoccupati, ma non si trovano gli operai

di Davide Lisetto

PORDENONE - Oltre mille sono i giovani, con un'età tra i 18 e i 29 anni, in provincia che sono disoccupati. Non lavorano, non studiano ma nemmeno seguono percorsi formativi: risultano solo iscritti (ma non tutti i giovani si iscrivono, per questo in realtà il numero dei ragazzi senza-lavoro è sicuramente superiore) al sito internet regionale Garanzia Giovani, il piano promosso dall'Unione europea che punta a intercettare gli under-29 senza occupazione. A fronte di questa situazione ci sono aziende manifatturiere - in particolare del settore metalmeccanico, ma anche del legno-arredo - che devono fare i salti mortali per trovare operai qualificati. Figure professionali - come quelle del saldatore, del conduttore di macchine a controllo numerico, del tecnico squadrabordista della produzione nel legno - che sono come aghi in un pagliaio: semplicemente non si trovano.
Tra i mille under-29 disoccupati registrati dalla Regione circa trecento sono quelli in possesso di diplomi e di qualifiche. Mentre gli altri seicento risultano essere dequalificati, cioé privi di una formazione e di un diploma che sia in qualche modo appetibile per le imprese. Un numero enorme, soprattutto se si pensa all'età dei giovani. La grande sfida l'ha lanciata Unindustria Pordenone: avvicinare i ragazzi alle fabbrica 4.0 facendo capire che oggi il lavoro nei reparti si fa in camice bianco e non più in tuta blu. Insomma, in moltissimi ruoli non ci si sporca le mani di olio ma si sta davanti a un monitor e guidare macchine e robot super-evoluti da milioni di euro. Ma c'è anche un'altra grande sfida: convertire quei giovani che non hanno una formazione appetibile per le imprese in precisi mestieri che le aziende sono disposte a pagare.
Il piano, lanciato a inizio estate, dagli industriali, con le organizzazioni sindacali e la Regione, è quello dei tirocini di mestiere. L'obiettivo è incrociare la richiesta di manodopera specializzata con la disponibilità di giovani a entrare in fabbrica e a formarsi. È chiaro che si comincerà a pescare tra i trecento giovani già in possesso di diplomi o qualifiche. Sono circa ottanta già i ragazzi che si sono resi disponibili a seguire un percorso che li porterà in azienda: in un primo periodo il tirocinio sarà pagato 500 euro, poi si potrà arrivare all'assunzione. I primi ingressi in fabbrica sono previsti per il mese di novembre. L'obiettivo del piano è anche quello di trattenere sul territorio giovani che prenderebbero strade europee come nuovi emigranti. Anche se l'ostacolo maggiore da superare è rendere attrattivo il lavoro in fabbrica ancora snobbato da troppi giovani.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 9 Settembre 2017, 14:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mille giovani sono disoccupati, ma non si trovano gli operai
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-09-20 19:00:27
Sicuramente non è il caso di fare di tutta l'erba un fascio, ma c'è tanta paura di sporcarsi le mani a questo mondo.
2017-09-16 08:56:50
x sanietto ,intanto inizia a lavorare ,poi in base al rendimento verrai pagato,se si chiamano i migranti poi sarai uno dei primi che si lamentano per mancato posto di lavoro,non puoi avere la ( la mussa e i 30 schei) insieme. Basta leggere le notizie per vedere che ci sono ditte che elargiscono premi consistenti ai lavoratori proprio nel veneto ( vedi settore dell'ottica) hanno un bilancio positivo grazie agli operai che lavorano anche con straordinari,e non sono immgrati.
2017-09-11 21:18:38
si ma sappiamo tutti che offerte di lavoro riceveranno tutta roba da 800e se va bene con 3 turni...se cercano operai...ci sono tanti immigrati ...quelli non li chiamate e???????
2017-09-11 18:08:37
Non avete voglia di fare niente li al nord e poi siete sempre a lamentarvi.....vergogna.....ciao.
2017-09-11 12:16:47
La prima domanda che un aspirante lavoratore e'":-quanto mi dai? oppure minimo 2000 EU.al mese." ditemi voi quale datore di lavoro assume a queste condizioni.Prima dimostrami quanto vali e non solo sulla carta e poi ne riparleremo.Sono di un altra generazione e dopo " 50 anni di lavoro 7 in italia e 43 in germania " ho iniziato da zero e alla fine avevo 30 operai alle mie dipendeze e macchinari costosi ora mi godo la pensione piu che meritata