La donna con il niqab in comune dopo la condanna torna in Albania

PER APPROFONDIRE: mamma, musulmana, niqab, san vito
La donna con il niqab in comune  ​dopo la condanna torna in Albania

di Emanuele Minca

SAN VITO - È tornata in Albania e ha intenzione di restarci a lungo, la quarantenne musulmana divenuta un caso internazionale per essere stata condanna a 30.600 euro di multa per essersi presentata a una seduta del consiglio comunale dei ragazzi di San Vito indossando un niqab, il velo che copre completamente il volto, lasciando solo una fessura per gli occhi. Una fonte vicino alla famiglia conferma che la signora Stela è tornata nel suo paese d'origine, in Albania, ormai da qualche giorno. Da laggiù via cellulare ha dato precise indicazione all'avvocato Silvio Albanese, suo legale di fiducia: non vuole fare la paladina di una crociata per i diritti dei musulmani in Italia e ha scelto di non opporsi al decreto penale di condanna emesso l'11 novembre scorso dal gip Alberto Rossi su richiesta del pm Federico Facchin. Una scelta ragionata, poiché questa strada fa sì che la pena sia sospesa: non pagherà la multa e passati due anni nel casellario giudiziario non vi sarà menzione del fatto. La donna con il niqab ha deciso di fare le valigie e partire per l'Albania portando con sé anche i figli una settimana fa. I piccoli sarebbero già iscritti ad una scuola albanese. Ma l'appartamento di San Vito non è vuoto; in Italia è rimasto il marito.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Dicembre 2016, 10:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La donna con il niqab in comune dopo la condanna torna in Albania
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 28 commenti presenti
2016-12-02 10:24:25
e uno
2016-12-02 10:33:59
chissa' se la potra' indossarlo? ma mi sa di no ....
2016-12-02 10:35:36
I municipi sono pieni di raccomandate DESTINATE A PERSONE VOLATILIZZATESI...per sanzioni, bollette, ingiunzioni , comparizioni in tribunale...Pure girano esattori di merci comprate a rate....alla caccia di informazioni su nominativi trasferitisi non si sa dove...il clou e' chiudere la porta dell'appartamento in affitto,ricercati dai propietari che a rigor di legge non possono far scassinare la porta.Sono arrivato al punto da pensare che a comportarsi cosi' ...fanno bene..hanno scelto il Paese giusto.Il delinquente e' supergarantito...la vittima...sbeffeggiata.
2016-12-02 10:44:00
Revocare immediatamente la cittadinanza. A lei, marito e figli
2016-12-02 11:03:40
... e che se ne stia là!