Boato nei cieli: tutta colpa dell'"errore" di un pilota americano

Boato nei cieli: tutta colpa dell'"errore" di un pilota americano
Ora è ufficiale e la conferma arriva direttamente dal sottosegretario alla difesa Domenico Rossi che ha risposto in aula a un' interrogazione: il bang supersonico sentito in tre province, Belluno, Pordenone e Treviso a inizio di gennaio è stato causato da un F16 della base Usaf di Aviano. Anche se involontariamente. «I rumori di forte intensità avvertiti lo scorso 11 gennaio nei territori bellunese, pordenonese e trevigiano - ha spiegato il sottosegretario - sono riconducibili a una missione addestrativa composta da cacciabombardieri F-16 statunitensi appartenenti al 31esimo Fighter Wing di Aviano. Il volo escludeva attività a velocità superiore a quella del suono, tuttavia un pilota superò involontariamente la suddetta soglia, e una volta atterrato segnalò l'avvenuto bang sonico alle autorità militari italiane e americane». È questa la risposta fornita da Domenico Rossi (sottosegretario alla Difesa) all'interrogazione parlamentare presentata da esponenti del Movimento 5 Stelle...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 21 Marzo 2017, 10:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Boato nei cieli: tutta colpa dell'"errore" di un pilota americano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-03-22 13:48:54
Una interrogazione parlamentare per un bang supersonico. Considerato il momento di grave crisi economica, morale ed istituzionale...non hanno proprio nulla da fare!