Assenteista licenziato in tronco
Ma ora ricorre e chiede i danni

Assenteista licenziato in tronco  ​Ma ora ricorre e chiede i danni

di Mauro F. Grillone

PORDENONE - Per più di un anno e mezzo (dal 1. luglio 2011 al 28 febbraio 2013) avrebbe fruito di 415 giornate di congedo straordinario retribuito per assistere l’anziana madre invalida: lavorava solo il lunedì e a casa con la mamma c'erano il fratello di Michel e due badanti. Condannato per truffa aggravata e successivamente licenziato senza preavviso, ha impugnato il provvedimento disciplinare davanti al giudice del lavoro e chiede non solo di venir reintegrato nel suo posto, ma anche tutti gli stipendi arretrati. Protagonista Michel Del Toso, 60 anni e geometra al Servizio Gestione amministrativa della rete stradale...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 24 Gennaio 2016, 09:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Assenteista licenziato in tronco
Ma ora ricorre e chiede i danni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2016-01-25 13:20:52
l'itaglia è un paese fondato sui ricorsi
2016-01-25 12:58:30
Tanto per rincarare la dose ricordo che l'immacolato geometra trovava anche il tempo di fare il conssigliere comunale (lista PDL) a Spilimbergo. Seguace dell'on. Brunetta? Lavorare? Certo, ma perchè proprio io!
2016-01-25 12:49:24
@ marco professional, l'unica obiezione che posso fare al tuo commento è : perché dovrebbe essere pagato tutto quel tempo con i soldi di noi contribuenti? Ed è mai possibile che i suoi dirigenti non si siano accorti prima di questo malaffare? Ma già, visto che era pagato con soldi pubblici...
2016-01-25 10:47:41
La legge 104 permette di usufruire di tre giorni al mese (36 all'anno); se questo soggetto ha percepito 415 giorni in due anni i conti non tornano
2016-01-25 09:48:53
Prima o poi si capirà che la Pa è il vero freno allo sviluppo del Paese. Si auspicava una vera riforma, la Madre di tutte le riforme, quella del pubblico impiego... invece è arrivata la solita farsa...