Uccise il ladro, Zaia: «Cambiare
la legge». Bitonci: raccolta di fondi

Uccise il ladro, Zaia: «Cambiare  la legge». Bitonci: raccolta di fondi

di Marco Aldighieri

CORREZZOLA - La sentenza ai danni del tabaccaio di Civè di Correzzola, Franco Birolo, ha scatenato la rabbia degli internauti producendo un attacco mediatico contro il giudice Beatrice Bergamasco. Una raffica di insulti sul web, sfociati addirittura in minacce di morte, tanto da costringere l’Anm (associazione nazionale magistrati) del Veneto a scendere in campo: "Ha applicato la legge, senza farsi condizionare dal clima fazioso".
 


Non la pensa così invece il sindaco di Padova, Massimo Bitonci: «Quando ti entra un delinquente in casa, non puoi chiedergli se ha un’arma, o se ti ammazza a mani nude. Dovesse capitare a casa mia, non avrei nessun problema a ripetere quello che ha fatto Birolo per difendere la famiglia che è sacra». Vicinanza al tabaccaio è arrivata anche dal governatore del Veneto, Luca Zaia. «Il problema sono le leggi. Va immediatamente ripresa in mano quella sulla legittima difesa»...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 30 Gennaio 2016, 10:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Uccise il ladro, Zaia: «Cambiare
la legge». Bitonci: raccolta di fondi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 80 commenti presenti
2016-02-09 16:05:06
Ho reagito e anche in maniera pesante. Legga di più i giornali e poi tragga le conclusioni giuste prima di dare giudizi affrettati. Ci sono due categorie di esseri intelligenti ma con due strade diverse. Homo Sapiens; Quello che sa e non ragiona tipo giudici, politici, e giudici. Uomo Pensante; Quello che prima di compiere un azione, pensa alle conseguenze future reagendo agli stimoli esterni. Questo tipo di individuo apprende in maniera veloce e memorizza il doppio di dati rispetto all' Homo Sapiens.
2016-02-01 15:40:56
Zaia for President!
2016-02-01 08:00:33
Lo Stato dovrebbe proteggere i cittadini aggrediti dai crminali, ma in Italia pare le cose vadano diversamente. Cambiare le leggi e poi i giudici le applicheranno è l'unica soluzione sensata. Giurie popolari e Procure elette dal popolo. E i giudici che sbagliano (condannano innocenti) paghino (responsabilità civile).
2016-01-31 22:37:40
La presa di posizione "ingiusta", quantomeno discutibile, se la sentenza del giudice verso il tabaccaio è stata coerente con la legge di certo non trova giustificazione alcuna le minacce palesi o velate che taluni navigatori del web le hanno rivolto. Detto questo, sono semèpre del parere che per quanto opinabile la sentenza del giudice, mi sembra azzardato prendersela con la persona che a torto o a ragione ha dato una sua "interpretazione" della legge (del resto così prevede l'Ordinamento Giuridico e per il noto principio del c.d. "libero convincimento del giudice" spesso subiamo torti dalla Giustizia verso la quale non essendo noi delinquenti,crediamo (per quanto tempo ancora?) Ora siccome si tratta di una sentenza di 1° grado è giusto arrabbiarsi ed incattivirsi, si ma verso il sistema e non verso la persona; un'altra cosa mi sorge il dubbio sulla difesa, scusate perchè non si è fatta avanti e manifestato che sarà proposto appello, magari sino alla Cassazione? Una sentenza così "provvisoria" darà la possibilità al "condannato" di potere avere riconosciute le attenuanti e le esimenti di cui al C.P. (art 52) e un giudizio collegiale di grado superiore potrà ribaltare il verdetto assolvendo il BIROLO e annullando il previsto risarcimento danno civile. Naturalmente come ho già qualche anno addietro scritto in altri post il C.P. deve essere riformato nella parte in cui parla di "eccesso colposo della legittima difesa". Deve essere previsto solo la legittima difesa riconosciuta "assoluita" nel caso in cui taluno s'introduce nella proprietà privata contro la volontà dell'avente diritto al fine di compiervi azioni criminose. Si deve prevedere che s'intende "ope legis" sussistere la volontà di commettere reato colui il quale non familiare, non convivente, non legato in alcun modo da rapporto di lavoro s'introduce furtivamente o con violenza sulle cose poste a protezione della privata dimora ovvero è forestiero, privo di documenti d'identità o clandestino nel territorio nazionale. Se il fatto illecito è commesso in tempo di notte e con violenza sulle persone la pena della reclusione non può essere inferiore a 20 anni. ZAIA, BITONCI, etc... promuovete un referendum per l'approvazione della modifica delle norme penali, prima che sia troppo tardi perchè la gente non ne può più.
2016-01-31 19:13:52
Eh già.... l'attuale legge è stata fatta dalla lega durante il governo lega-berlusconi!!! Ricordatevelo alle prossime elezioni !!!