«Sul Lhotse per venti ore senza acqua e ossigeno, sopra quota ottomila»

«Sul Lhotse per venti ore senza acqua e ossigeno, sopra quota ottomila»

di Giovanni Piva

Oltre quota ottomila metri, per venti lunghe ore, per di più rimanendo senza ossigeno. L'alpinista padovano Nicola Bonaiti racconta la sua avventura estrema che l'ha portato sulla cima del monte Lhotse, in Nepal, assieme al capo spedizione Mario Vielmo. «Una parete enorme, al confronto il nostro campo base sembrava un nocciolo».

Nicola non risponde d'istinto alle domande. Pensa. Pensa, adesso che il Lhotse è fatto e tante fatiche e preoccupazioni sono alle spalle, adesso che è al suo vero campo base, forse per la prima volta pensa veramente a ciò che ha vissuto in quei giorni, prima di felicità con la sua famiglia in trekking insieme a loro nella lunga risalita della grande vallata himalaiana, poi di ansia per l'impresa da compiere, infine di muta forza d'animo e di grande resistenza fisica. Nei giorni della spedizione in Nepal, con Mario Vielmo e Sebastiano Valentini, in fondo Nicola Bonaiti non ha avuto modo di pensare realmente a tante cose. Le sensazioni allora erano preponderanti, fossero di gioia o di sofferenza (e non ne sono mancate, su una montagna che sa gelidamente farsi sarcofago inamovibile per alcuni di coloro che non ce la fanno a salirla e soprattutto a scenderla). O quelle di incertezza e di attese che potevano sembrare infinite.

IL CAMPO BASE
Se il campo base della quarta vetta per altezza della Terra è alla notevole altitudine di 5.300 metri, il vero campo base di Nicola Bonaiti è alla modesta quota di un centinaio di metri, nel verde dei Colli Euganei, in vista delle pareti ardite ma ben più familiari di Rocca Pendice, presidiato da due cani grandi quasi come yak, Neve e Nanuk. A casa Bonaiti si mangia in modo semplice e naturale, niente carne, tanto per cominciare. Ma a restituire le energie e i chili di massa muscolare persi con la innaturale permanenza alle alte quote, ci sono tante altre cose, alternative e nutrienti...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Giugno 2017, 09:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sul Lhotse per venti ore senza acqua e ossigeno, sopra quota ottomila»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-19 11:48:16
Ma dopo queste imprese, che ormai interessano solo agli addetti ai lavori,ci scappa il pane, verdure, fagioli,insomma..i principi alimentari? O sono risparmi accumulati con altri lavori ?Almeno Rocca Pendice e' gratis ed attorno abbondano orti, osterie , trattorie...