Pesta a sangue un ragazzino, bullo
incastrato dalla studentessa 007

PER APPROFONDIRE: bullismo, padova, pestaggio, studenti
Pesta a sangue un ragazzino, bullo  incastrato dalla studentessa 007

di Marco Aldighieri

PADOVA - Un bullo ha pestato per due volte uno studente senza alcun motivo. Prima lo ha aggredito davanti a scuola, poi alla fermata del tram in riviera Ponti Romani. Ma nell’ultimo episodio, è intervenuta in suo soccorso un’amica coetanea che ha chiamato al cellulare un poliziotto di quartiere conosciuto in occasione della prima aggressione.

La ragazza ha pedinato in piazza Cavour il bullo facendolo catturare. Nei guai un diciassettenne pure lui studente.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 25 Gennaio 2016, 09:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pesta a sangue un ragazzino, bullo
incastrato dalla studentessa 007
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2016-01-26 10:18:34
Carcere minorile subito per il bullo e far pagare un conto salato per danni fisici e morali alla vittima dai genitori del violento visto che è minorenne e loro ne sono in gran parte responsabili dell'educazione impartita a questo "bullo da sagra paesana"!Se straniero se deve rimpatriare coattamente tutta la famiglia!!!
2016-01-26 10:01:35
aggiungerei una cosa: da ragazzini noi (io, almeno) eravamo LIBERI. giocavamo per le strade, formavamo bande. L'adolescenza segnava quindi un passaggio verso la responsabilità. oggi è il contrario, visto che i ragazzini sono ferreamente sotto il controllo dei genitori (scuola-compiti-sport, eccetera) fino alla scuola media. Io penso che, giunti all'adolescenza,i ragazzi vogliono avere quella libertà che non hanno avuto prima, e di cui noi da bambini invece avevamo.
2016-01-26 09:53:50
@Binariciuto: io penso che i motivi che hanno portato alla situazione odiernansiano di ordine pratico prima che culturale. 40 anni fa la droga non si trovava ad ogni angolo a prezzi stracciati. i ragazzi non potevano comunicare fra loro in tempo reale senza che nessuno potesse sapere cosa dicevano. in genere, per accedere a determinate informazioni i ragazzi avevano bisogno dell'aiuto o della mediazione dei genitori, che oggi viene saltata direttamente grazie all'accesso al web. inoltre, le prospettive per il futuro erano diverse.
2016-01-25 18:54:33
Desider scusa, se è foresto è un delinquente, se è veneto xe un bravo toso???
2016-01-25 18:29:33
per aquilasolitaria: purtroppo