Il facoltoso padovano lascia un tesoro al museo ma l'ente non lo vuole

Il facoltoso padovano lascia un tesoro al museo ma l'ente non lo vuole

di Paolo Navarro Dina

PADOVA - La Fondazione Musei Civici aveva detto che se ne poteva anche fare a meno. E aveva liquidato la questione in poche righe sottolineando di non ritenere il materiale imprescindibile per il consolidamento delle collezioni museali cittadine dicendo così no ad un piccolo tesoro artistico fatto di una sessantina tra quadri e sculture come opere di Gino Rossi, di Massimo Campigli, Sironi, Semeghini o Casorati. Insomma, non proprio quisquilie per gli appassionati di arte contemporanea. Ma la giunta Brugnaro ha deciso di andare avanti lo stesso e di dare seguito alle volontà testamentarie di G.V., facoltoso signore, originario di Padova, residente a Milano, ma di famiglia veneziana, deceduto nel capoluogo lombardo nell'agosto del 2013 e che, con testamento olografo, aveva deciso di donare alla Galleria internazionale di arte moderna di Ca' Pesaro, a titolo di legato, le opere scultoree e pittoriche che, nel corso della sua vita, aveva raccolto e collezionato nelle sue residenze, quella di Milano e di Lerici, in provincia della Spezia...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Dicembre 2016, 10:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il facoltoso padovano lascia un tesoro al museo ma l'ente non lo vuole
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2016-12-02 11:13:38
Cose da pazzi. Ma chi sono questi dirigenti pubblici che rifiutano una donazione così !?!??! Dovevano forse lavorare un pochino !?!??!
2016-12-02 12:23:36
Mi sarei offerto come erede volontario...purche' non ci fossero pure debiti o clausole piu' costose del valore delle opere.
2016-12-02 14:01:01
Se proprio non sanno dove metterli, li ospiterei volentieri.....
2016-12-02 16:54:58
Ma ti pare,perder tempo a catalogare le opere donate,non sarà mai,troppo lavoro!
2016-12-02 19:57:13
domani passo io con un furgone a togliere l'immondizia scomoda che il museo non vuole, vediamo se me la danno gratis?