Giallo del Dna sul luogo del delitto
«Quel sangue non è di Isabella»

Giallo del Dna sul luogo del delitto  sangue in cucina non è di Isabella
Giallo del Dna sul luogo del delitto
sangue in cucina non è di Isabella

di Marco Aldighieri

PADOVA - Il delitto di Isabella Noventa si tinge sempre più di giallo: nella cucina della villa di Freddy Sorgato, infatti, non è  stata trovata  traccia riconducibile alla segretaria scomparsa. Piuttosto, quanto repertato, compresa una goccia di sangue, sarebbe riconducibile al Dna di una persona di sesso maschile diversa dal ballerino-indagato. Ma ci sono sempre due aspetti da considerare: che le sostanze acquisite sono minime al punto che la stessa Procura dopo aver avuto la conferma che si tratta di sangue, attende la riprova. Il secondo aspetto è che potrebbero essere tracce lasciate prima o dopo l’omicidio: il sopralluogo è avvenuto il 29 febbraio, il delitto risale al 15 gennaio e  l’arresto di Sorgato è del 16 febbraio. 

La tabaccaia di Camponogara, Manuela Cacco, intanto, dal carcere della Giudecca di Venezia, avrebbe rilasciato una piena confessione agli inquirenti dichiarando come i due fratelli Sorgato le hanno raccontato: è stata Debora ad aver  preso a martellate la segretaria di Albignasego all’interno della cucina di Freddy. E a seguito del racconto della 53enne veneziana la Scientifica il 29 febbraio è tornata nella villa di via Sabbioni 11 a Noventa. Qui, oltre alla traccia ematica, nella cucina avrebbero trovato anche campioni biologici di un uomo. Ma chi? 

E poi la stessa polizia Scientifica ha analizzato la vettura  di Debora Sorgato, utilizzata la sera del 15 gennaio per mettere in atto la messinscena. E in quell’auto, una Vw Golf, gli investigatori avrebbero trovato tracce di Dna riconducibili a un maschio. Nulla invece sembrerebbe da associare a Isabella Noventa. Insomma, il delitto della segretaria di Albignasego è ancora pieno di punti oscuri. L’unica certezza, al momento, l’ha data Freddy Sorgato quando davanti al Gip Cristina Cavaggion si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma ha rilasciato una dichiarazione spontanea ammettendo di avere soffocato Isabella durante un gioco erotico. Una tesi a cui gli inquirenti non hanno mai creduto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 27 Marzo 2016, 09:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Giallo del Dna sul luogo del delitto
«Quel sangue non è di Isabella»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2016-03-27 10:23:40
gira...gira ...rigira...è morta per un gioco sessuale finito male...no,l'ha uccisa con una mazzette...vuoi vedere che ha fatto tutto isabella?
2016-03-27 12:10:51
Stanno prendendo per i fondelli i giudici. Lasciateli pure stagionare a lungo al fresco. Queste sono belve non animali comuni.
2016-03-27 12:20:53
In tutti gli episodi delittuosi con cadenza regolare esce un nuovo dettaglio che continua a far marciare il carrozzone della giustizia italiana... gnam gnam
2016-03-27 14:08:08
....e se fosse ancora viva??....