Il Bel Paese che si illude di rimanere sempre tale

PER APPROFONDIRE: bel paese, crisi
Caro direttore,
è in voga il termine Bel Paese. Dalla Catena delle Alpi al Canale di Sicilia, dall'Est all'Ovest l'Italia è un meraviglioso mondo da scoprire. Monti e mari, colline e laghi, isole e vulcani, fiumi e pianure; tutti panorami mozzafiato che la natura e, da credente, posso dire il Padre Eterno ci ha donato. Di più, nel corso dei secoli la genialità dei nostri avi ha arricchito la natura di opere d'arte, da Roma all'ultimo paesino sperduto. Italia paese di scrittori e poeti, navigatori e astronomi, scultori e pittori, architetti e inventori, scienziati e musicisti. Italia culla della della civiltà, della cultura e del bello.
Oggi purtroppo dobbiamo assistere al decadimento, monumenti che vanno in rovina, ambiente inquinato e le nostre teste, ovvero i nostri giovani, che devono andare all'estero. Non crede signor direttore sia giunta l'ora di un cambiamento di rotta per far rivivere le nostre ricchezze e le nostre bellezze?

Celeste Balcon 
Belluno


-----------------

Caro lettore,
certo che lo credo. E penso che come me la pensino in molti. Ma non basta pensarlo, occorre anche comportarsi di conseguenza. Il fatto è che, come ha scritto in un suo libro Mauro Corona, l'Italia è un Paese di auspicanti, Paese di attese perfette dove ci si augura, anzi ci si illude che succeda qualcosa senza muovere un dito. Anche per questo siamo il Paese con il più elevato numero di beni artistici e culturali, ma per la nostra incapacità di valorizzarli in modo adeguato, non siamo il Paese con il più elevato numero di visitatori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 28 Dicembre 2016, 15:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Bel Paese che si illude di rimanere sempre tale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2016-12-28 17:57:01
... quello illustrato si chiama declino.. per l'italia è il tempo della vecchiaia.. troppi commensali, troppo cemento, troppo asfalto, troppo progresso, troppa valorizzazione. nessun amore per la propria terra, poca memoria e mentalità da dopo di me il diluvio. la retromarcia è innestata..
2016-12-28 19:22:48
Al gent. Direttore devo dire che non basta valorizzare i beni artistici (aumentando il turismo ed il suo indotto) bensi' salvaguardare il manufatturiero (la vera ricchezza dell'Italia) che sta tragicamente riducendosi per la scellerata incapacita' della classe politica dell'ultimo ventennio che anziche' perseguire il bene comune e' impegnata solo a salvaguardare le lobby (dalla finanza alle banche, dalle multinazionali alle aziende "proprie") e l'elettorato sempre piu' numeroso degli anziani (troppi con pensioni esagerate) a scapito dei giovani (che necessitano di miglior Istruzione, ricerca, innovazione come fanno nei Paesi seri del Nord Europa ed in Germania). Ho scritto seri, ma forse era meglio dire di tradizioni socialdemocratiche: da noi, invece, persino gli operai hanno votato a destra negli ultimi vent'anni...
2016-12-29 09:23:38
Da Bel Paese a Paese Bello, patria dei Figo Bello di turno che tutto possono permettersi tanto ci sono gli italioti che li mantengono.