Più attenzione per le donne che denunciano molestie

PER APPROFONDIRE: donne, molestie, stalking
Caro direttore,
una nuova vittima della violenza nel Teramano, una dottoressa, ancora un'altra donna uccisa da uno stalker nel parcheggio dell'ospedale dove lavorava. Ma a poche ore di distanza è successo il contrario, a Genova una donna uccide il compagno che la picchiava e che, con tutta probabilità, stava per uccidere lei.

Due persone uccise a coltellate nel giro di poche ore ma tra i due casi passa una differenza enorme: nel secondo è lei ad uccidere lui, per sacrosanta, legittima difesa.

Una donna che ha trovato la forza ed il coraggio di ribellarsi e di diventare lei l'omicida ponendo fine alla vita di un uomo, che, a quanto pare, la maltrattava da anni costringendola ad andare in giro paludata da sciarpe per non mostrare i lividi. Verrebbe da dire: finalmente se non fosse che si tratta pur sempre di un omicidio e non si può gioire per questo. Ed è pur sempre un caso su mille: per una donna è molto più difficile considerare la violenza la soluzione dei problemi.Ma potrebbe ra ppresentare almeno un punto di svolta.


Mariagrazia Gazzato

Cara lettrice,
la donna che ha ucciso un uomo che la maltrattava da molti anni ha tutta la nostra umana comprensione. Anche perché, probabilmente, così facendo ha salvato la propria vita e non è andata a allungare la fila di ragazze, fidanzate e madri vittime della brutale follia di certi maschi. Tuttavia un omicidio non può essere considerato un punto di svolta. La vera svolta deve venire da un cambio di mentalità. In Italia è stato introdotto il reato di stalking e dunque chi perseguita e molesta una donna può essere perseguito per legge: indagato e incarcerato. Ma le statistiche ci dicono che molte denunce rimangono lettera morta o vengono archiviate. Come ha sottolineato l'avvocato Giulia Bongiorno: «In Italia ci sono minori problemi a mettere in carcere chi commette violenza alla stadio, rispetto a chi usa violenza alle donne». L'affermazione potrà apparire provocatoria, ma fotografa la realtà di molte zone del nostro Paese e rispecchia la tendenza, assai diffusa, a minimizzare e a considerare i reati di stalking meno importanti di altri. La svolta dunque dovrebbe venire da qui: da un diverso atteggiamento culturale e da una maggior rispetto e attenzione nei confronti delle donne che denunciano molestie e e soprusi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Giugno 2017, 15:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Più attenzione per le donne che denunciano molestie
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-06-25 03:32:01
La questione vera è che il tasso di litigiosita' di coppia e' aumentato. Prima si sopportava (a vicenda) adesso ci si separa. Ma la separazione puo' essere foriera di altre violenze (perche' ci si separa anche da figli, casa, beni e stipendio ...). Se e' vero che lo stalking e' formalmente punito, all'atto pratico prima di ottenere effetti reali ci vuole tempo e spesso diventa "troppo tardi". D'altro canto, proprio per la conflittualita' sopracitata, non e' che puo' bastare una denuncia (magari fatta per ripicca o per accelerare i tempi di separazione) per limitare la libeta' personale di una persona. Dulcis in fundo, un tempo esisteva la forza pubblica. A fronte di palesi violenze, spesso una "chiacchierata" in caserma era risolutiva per farle cessare. Adesso se tocchi Caino finisci in galera per torture. italia
2017-06-24 20:20:14
... il 68 ha sconvolto antichi equilibri. il femminismo gli ha abbattuti.. l'uomo non sarà un santo ( a parte uno ) ma neppure maria goretti lo era e lo è... si faccia tutti un passo o indietro e si riscoprano i valori traditi.. ma insieme.. gatto di famiglia compreso...
2017-06-24 19:31:30
Se un persona diventa molesta ...parare bellum.Prepararsi al peggio , non fidarsi e tenere occhi aperti.
2017-06-25 07:44:27
Si vis pacem para bellum. Se vuoi la pace preparati alla guerra
2017-06-24 18:28:00
A quando anche una tutela per gli uomini oggetto di mobbing (versione lavorativa dello stalking a mio parere) in ufficio da parte di donne? Che a parole si dice tanto ma nei fatti alle volte esser donna vuol dir aver il salvacondotto o quantomeno "il favore della giuria".