Il ciclismo commuove perché metafora della vita

PER APPROFONDIRE: ciclismo, lettere al direttore, papetti
Caro Direttore,
nel vedere l'altro ieri il nostro Fabio Aru vincere al Tour de France la tappa con arrivo in salita a la Planche des Belles Filles mi sono venute le lacrime. Sono normale?
Enzo Fuso
Lendinara (Rovigo)


Caro lettore,
credo che lei sia assolutamente normale. Il ciclismo, nonostante i micidiali colpi inferti dagli stregoni della farmacologia e dai loro numerosi adepti, mantiene un suo arcano e indistruttibile fascino. Sa smuovere passioni ed emozioni come pochi altri sport. A questo contribuisce anche il fatto che una corsa in bici si nutre spesso soprattutto di attesa: si attende per ore nello scorrere dei chilometri e dei paesaggi che succeda qualcosa. Uno scatto, una fuga, uno sprint. E quando accade con l'imprevedibilità e l'audacia che Fabio Aru ha trasfuso nella sua inarrestabile accelerata di martedì sulla perfida arrampicata de la Planche des Belles Filles, il gesto sportivo assume, agli occhi di chi guarda, i contorni dell'impresa, trascinante ed emozionante. Una stoccata, sintesi di forza e intuito, a cui è difficile rimanere indifferenti. Uno dei più grandi cantori delle due ruote, Gianni Brera, ha scritto che Solo in provincia si coltivano le grandi malinconie, il silenzio e la solitudine indispensabili per riuscire in uno sport così faticoso come il ciclismo. È questo suo essere metafora della vita e, insieme, sublimazione di umane sofferenze, a rendere questo sport unico. Anche nella capacità di commuovere. Lei come tanti altri.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerd├Č 7 Luglio 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il ciclismo commuove perché metafora della vita
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-07-08 04:36:13
Certo che leggere di Ciclista Italiana in pericolo di vita..per caduta in discesa ai limiti(90km orari)..fa pensare che gli organizzatori a volte cerchino il brivido...sulla pelle degli altri.Come quando scelgono le diretture di arrivo...che scetenano bagarre con inevitabili cadute. Poi i fattacci vengono autoassolti con scuse puerili. Almeno Aru ha vinto in salita solitaria.
2017-07-07 18:00:42
@ A me son venute le lacrime per la squisita risposta del Direttore,per la Sua elogia di uno sport ormai riservato ad arcani amatori ed appassionati,incluso il grande G.Brera. Purtroppo non e' il mio sport preferito,in altri ad esempio il tennis femminile,ho delle strane reazioni,ma chiedero' alla Dott.ssa Graziottin se sono normale.Grazie.
2017-07-07 23:54:04
:)) tipo "sfarfallio allo stomaco" o sintomi simili? guarda, non per essere saccente, ma penso che sia normale;))) salutoni Haver;)
2017-07-08 10:51:08
@ Shalom Haver !! Si,anche un pochino piu' in basso,ma Se ho un parere della Dott.ssa Graziottin sto piu' tranquillo. Mi spiace per la decixione ONU su Hebron,Haver, ancora una volta tale Ente ha dimostrato di essere di parte,autoreferenziale,inutile. Condivido gia' da ora le contromisure che Israel adottera'. Che pena . Ricambio i salutoni ;))
2017-07-10 11:43:33
Haver, no comment...