La capacità dei burocrati di trasformare il possibile

PER APPROFONDIRE: burocrati, papetti
Egregio direttore,
ieri mattina il parroco di Quinto mi ha chiesto se potevo fargli un piacere e cioè ritirargli un pacco in posta. È cominciata così una mattinata piuttosto burrascosa. Ha fatto la delega e mi sono recato in un ufficio postale, 20 minuti circa di attesa e quando finalmente riesco a conquistare uno sportello, mi sento dire che devo avere oltre al mio documento d'identità anche quello del delegante, cioè il parroco.
Senza fiatare esco e torno dal parroco con quel caldo soffocante, mi faccio dare la sua carta d'identità e torno in posta.
Ancora 20 minuti circa di attesa chiedo la consegna del pacco, al che l'impiegata si rifiuta di darmelo perché: chi le dice che quel documento sia proprio del parroco? 
Allora furente do un urlo e chiedo la presenza della direttrice dell'ufficio, la quale sentendo l'urlo accorre subito e dà ragione all'impiegata nonostante io avessi in linea al telefono il parroco in viva voce. Allora stufo ho detto alla direttrice di mandare il pacco indietro e il parroco ha condiviso la mia decisione.
Questo è un piccolo caso di burocrazia figuriamoci più in alto nelle istituzioni, c'è davvero di che preoccuparsi in questa nostra nazione.

Giuseppe Jovino
Quinto di Treviso



Caro lettore,
non conosco norme e regolamenti degli uffici postali ma, come ha scritto un celebre economista, se hai un problema che deve essere risolto dalla burocrazia, ti conviene cambiare il problema.
Lei ne ha avuto la conferma. Purtroppo la burocrazia è uno dei ceppi che, nelle piccole e nelle grandi cose, impedisce al nostro paese di correre come potrebbe e dovrebbe.
La capacità, tipica dei burocrati, di trasformare in impossibile ciò che è possibile, è un fardello che non riusciamo a toglierci di dosso. Ci complica inutilmente la vita. E ha un nemico giurato: il buon senso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 22 Giugno 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La capacità dei burocrati di trasformare il possibile
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-06-23 12:50:40
Caro direttore lei dimentica che nella burocrazia e le sue storture i dirigenti pubblici ci sguazzano e si autoalimentano e perpetuano. Del prossimo non gli interessa nulla!
2017-06-23 11:52:02
Certo che la redazione de il Gazzettino non accetta nemmeno un po' di ironia, visto che il cancellino e spesso in funzione anche per delle piccolezze...
2017-06-23 10:20:08
Mi capita spesso di andare a ritirare alla posta dei pacchi destinati a mia madre che le spedisce mio fratello da un'altra regione. Oltre alla copia del mio e del suo documento di identita', presento una delega firmata da lei. Mai avuto problemi. Se le regole sono queste, cosa ci vuole ad adeguarsi? O le regole devono valere sempre solo per gli altri?
2017-06-23 10:02:40
E' una questione di mentalità, dove lavoro io in particolare conosco (purtroppo) una persona che proprio è burocrate in testa, se passate dalle parti della ragioneria della Regione Veneto ne scoprireste di persone così.
2017-06-22 22:18:46
Quando abitavo a Monaco delegavo mia moglie a prendere pacchi in posta con la sua e la mia carta d´identità, più una breve dichiarazione con la mia Firma, che io delegavo mia moglie a prendere il pacco.