La "umanità" di Hitler non c'entra con Dunkerque

PER APPROFONDIRE: hitler, papetti
Caro direttore,
vorrei esprimere alcune mie idee in merito al super decantato film Dunkerche o Dunkirk. Da sempre la storia è scritta dai vincitori, a far passare per un grande successo una clamorosa ritirata ci vuole molto coraggio e fantasia. A El-Alamein i nostri eroici soldati ebbero almeno l'onore delle armi, ma sulla Manica l'orgoglioso esercito di Sua Maestà, gli eredi di De Gaulle, i Polacchi ed altri mostrarono le terga ad un nemico in quel momento invincibile, lasciando sul terreno le armi (comprese quelle individuali, elmetti, buffetterie e quant'altro).
Quello che nessuno ha mai spiegato è il perché Hitler con una flotta aerea imponente ed intatta non abbia ordinato la distruzione di una massa di sbandati che la storia ha quantificato in quattrocentomila. Diceva un nostro parroco: «Anche un arancio marcio può contenere uno spicchio buono». Vuoi vedere che fra dieci generazioni, ricordando le Fosse di Katin oggi cancellate dalla storia dei vincitori, qualcuno ammetterà che Hitler ha risparmiato almeno parte dei quattrocentomila di Dunkerque?
Giuliano Dori
Abano Terme


-- --

Caro lettore,
non ho ancora visto il film di Cristopher Nolan, ma non ci sono dubbi sul fatto che Dunkerque sia stata una disperata ritirata, non certo un capolavoro di strategia militare. Sulle ragioni che indussero Hitler, dotato di risorse straordinarie, a non sferrare un attacco decisivo a Dunkerque, gli storici si interrogano da tempo. C'è chi sostiene che il Fuhrer temeva con un'offensiva di sguarnire altri fronti strategici; altri sono convinti che si fece convincere da Goering ad affidarsi solo all'aviazione e chi infine ritiene che lo abbia fatto per tenersi comunque un canale aperto con la Gran Bretagna. In ogni caso, con buona pace del suo saggio parroco, escluderei dalle diverse ipotesi una scelta di umanità. Un signore che ha pianificato la distruzione di massa di milioni di persone, non si sarebbe certo fermato di fronte ai 400 mila di Dunkerque.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Settembre 2017, 05:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La "umanità" di Hitler non c'entra con Dunkerque
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-09-13 12:06:48
"gli eredi di De Gaulle" pero' GrandCharles al tempo di Dunquerque non era chissache' "Divenuto generale di brigata, assistette nel giugno 1940 all'armistizio di Compiègne e all'istituzione del governo fantoccio di Vichy"
2017-09-13 12:50:18
@@ Honi.....so che Tu hai visto cose che noi Umani non possiamo nemmeno immaginare,come i bastioni di Orione e le luci di Tannhauser, MA neppure tu hai visto le battaglie tra le stazioni orbitanti di Melpomene e Tersicore Vs. la Base Orbitante da difesa '' Galahad Shield'',e l' ammiraglia della Flotta terrestre '' Scarlett meteor'', comandata dal mitico Patrik O'Shea,nomi davanti ai quali sia le GrandCharles sia the '' Old Blood and Guts'' (G.Patton) sembrano personaggi da fumetti Fantasy .
2017-09-13 11:29:41
Tante ipotesi..., fatto sta che Hitler poteva umiliare l' Inghilterra, trasformare o manipolare i fatti e non le parole sembra essere diventata una moda per non ammettere la sconfitta, (vedi Vietnam).
2017-09-13 10:22:45
la miglior spiegazione la davano Alberto Sordi e David Niven nel film "i due nemici" quando Sordi lascio' fuggire due ufficiali inglesi il collega gli chiese perché? Sordi: anche i Romani lasciavano scappare i prigionieri perché quando arrivavano dai loro dicessero "quanto siamo forti" e il dottore gli disse "ma questi invece gli diranno quanto siamo deboli"
2017-09-13 07:08:47
Forse fu solo un calcolo , per tentare di coinvolgere o almeno tenere neutrale l'Inghilterra , in vista della campagna nazista contro l'Unione Sovietica. Contro le malattie ci si vaccina, contro gli errori del passato no...a volte c'e' la tentazione di ripeterli , magari sotto altra forma e con altri pretesti.