Charlie, quando la scienza non è al servizio della vita

PER APPROFONDIRE: bambino, charlie, spina, staccare la spina
Gentile Direttore,
Charlie dovrà morire ha - di fatto - sentenziato l'Alta Corte Britannica disponendo l'interruzione del sostegno terapeutico al bambino inglese affetto da una gravissima e rarissima malattia mitocondriale. E allora, per la prima volta in modo così evidente e drammatico, la realtà biologica si riflette in quella politica e giuridica: il fatto di poter vivere non è più almeno per i giudici inglesi - il fondo inaccessibile di ogni esistenza umana nei confronti del quale il Nomos statuale deve arrestarsi ma, ed è questo il dato sconvolgente della odierna soglia di modernità biologica, il campo da sottoporre totalmente al controllo del sapere (medico) e dell'intervento del potere (giudiziario). Con la morte del povero Charlie si oltrepassa, così, quella soglia oltre la quale la specie umana entra disumanamente come posta'' in gioco nelle complesse strategie del Potere (politico, giudiziario). Per millenni, l'uomo è rimasto quel che era per Aristotele: un animale vivente e capace di un'esistenza politica; con la morte di Charlie l'uomo moderno diventa un animale nella cui politica è in drammatica questione la sua vita di essere vivente. 


Massimo Tomasutti

Caro lettore, 
la scienza deve essere al servizio dell'uomo. Quando, come nel caso del piccolo Charlie, diviene invece padrona e tiranna della sua vita, allora è il caso di fermarsi e riflettere. La decisione, presa in nome del supremo sapere, di imporre la morte di Charlie, impedendo ai suoi genitori di provare a farlo curare altrove o di tenerlo con loro, è semplicemente disumana. Ed è inquietante che questa imposizione porti la firma di una Corte europea che dovrebbe tutelare i diritti dell'uomo. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 1 Luglio 2017, 15:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Charlie, quando la scienza non è al servizio della vita
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-07-01 23:48:03
Penso che sia giusto lasciar andare questo bambino senza dare inutili e tristi speranze ai genitori. Concordo pienamente con la decisione presa. Il giorno che toccherà a me spero che ci sia qualcuno, esterno agli affetti, che abbia altrettanto coraggio.
2017-07-02 15:05:12
Da sani è facile....
2017-07-01 21:19:06
Progetto Manhattan,V1-V2,gas tossici Zyklon...quando la scienza invece è al sevizio dell'umanità...
2017-07-01 19:06:43
... decisione disumana.. scaricabarile. è in realtà molto umana, anzi umanissima. è l'umanità nella sua accentuata disumanità a proporla ed attuarla.. gli animali o i marziani non c'entrano per nulla.. fa tutto l'umanità...
2017-07-01 18:42:44
Il discorso va oltre. Dopo secoli in cui si √® combattuto per la persona, la sua indipendenza, i suoi diritti, ora si torna indietro di secoli. Si √® estirpato il diritto dei genitori ad essere genitori, non √® stato concesso loro neppure che se ne andasse a casa con loro. Decide lo stato, decide se vale la pena che tu vivi, se costi troppo, se sei produttivo. Condannato a morte con il sarcasmo del"per il suo bene". Ora √® stato creato un precedente signori, ora √® chiara la schiavit√Ļ del potere. Lo stato decide, decide cosa dovete iniettarvi, se dovete vivere o morire. Non valete pi√Ļ in quanto individui, persone, ma solo se siete produttivi, se appartenete agli standard decisi arbitrariamente a monte senza chiedervi il permesso. Toccher√† ad ognuno di noi e sar√† troppo tardi....la cultura di morte vi dominer√†.