Mestre, la zona dell'ex ospedale in balia del degrado

PER APPROFONDIRE: degrado, mestre
Caro Gazzettino,
abito a Mestre, via Wolfferrari. Questa zona è da anni abbandonata a se stessa, segnatamente da quando l'Ospedale è stato dismesso lasciando un "buco" riempito da un'umanità allo sbando, da liquami maleodoranti e da un'avvilente sensazione di squallore. Leggo da uno dei colorati volantini elettorali di Luigi Brugnaro alla vigilia della sua elezione a Sindaco: punto  4: "tutti parlano di sicurezza ma solo con la volontà e la determinazione garantite da Luigi Brugnaro tra breve la sicurezza e il decoro urbano torneranno nelle nostre strade ..... il territorio sarà presidiato 24 ore su 24 dalla Polizia Municipale .....".

Questo mio scritto segue di pochi minuti l'ennesimo tent ativo di furto con scasso all'interno della strada ove vivo con la mia famiglia. Dei progetti per riqualificare la zona ex Ospedale non si vede l'ombra. La presenza dei Vigili Urbani c'è segnatamente per distribuire le multe ai residenti. Il decoro urbano è testimoniato da strade sempre più dissestate e pericolose. "De ja vu" ... sì ma almeno ci lascino il diritto di denunciare ciò ch e questa giunta inetta non sta facendo dopo essersi distinta, questo sì, in proc lami e promesse che solamente un cittadino sprovveduto non ha saputo cogliere in tutta la loro inconsistenza. 

Matteo Tenderini
Mestre
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 10 Marzo 2017, 20:13






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mestre, la zona dell'ex ospedale in balia del degrado
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-03-12 17:28:19
La finiamo con la storiella che queste persone spacciano per necessita', per poter sopravvivere? Queste sono persone che nei loro paesi esercitavano il mestiere di spacciatore e sono venuti qui spacciandosi per profughi unicamente perche' il mercato della droga e dei drogati in Europa e' di 50 volte superiore a quello nei loro paesi.
2017-03-11 20:38:02
Fosse solo quella nel degrado. Spacciatori di droga "operano" indisturbati alla luce del sole vicino al sottopasso dalla parte di via Dante. Vengono apposta in Italia per fare questo "mestiere" perché sanno che i controlli sono come i miracoli, uno ogni tanto, e anche se li prendono non fanno neanche tempo sentir l'odore della cella che subito vengono messi in liberta' "d'azione".