Malore per Gentiloni: «Sta bene ed è vigile, già scambia qualche parola»

Malore per Gentiloni: «Sta bene ed è vigile, già scambia qualche parola»
«Sta bene, è vigile, già scambia qualche parola». Dopo il grande spavento della notte, nell'entourage di Paolo Gentiloni c'è ottimismo. Il premier è ricoverato al Policlinico Gemelli, senza sedazione nel reparto di terapia intensiva, dove resterà per almeno uno-due giorni. Gentiloni è stato sottoposto a un intervento di angioplastica con l'uso di stent.

Al ritorno dalla sua trasferta a Parigi dove aveva incontrato il presidente francese Francois Hollande, Gentiloni verso le cinque del pomeriggio era andato a palazzo Chigi. In serata - verso le dieci - ha però detto ai suoi collaboratori di non sentirsi bene e che sarebbe andato al Policlinico Gemelli per un controllo. Qui, accompagnato dai familiari, Gentiloni è stato sottoposto a un elettrocardiogramma e poi a una coronografia che hanno rivelato la necessità di un intervento d'urgenza. Intervento che è avvenuto in tarda serata. 

Scontato l'annullamento del viaggio previsto per domani a Londra, dove Gentiloni avrebbe dovuto incontrare il premier britannico Theresa May. In forse anche la trasferta della prossima settimana a Berlino per il vertice con Angela Merkel. «Paolo negli ultimi due anni da ministro degli Esteri non si è certo risparmiato - dicono nel suo entourage - e da qualche tempo lo stress e la pressione è aumentata. Da qui, probabilmente, il piccolo malore. Ma già va molto meglio».
A.Gen.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 11 Gennaio 2017, 10:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Malore per Gentiloni: «Sta bene ed è vigile, già scambia qualche parola»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti