Locri, migliaia in marcia contro le mafie. Don Ciotti: «Oggi siamo tutti "sbirri"»

PER APPROFONDIRE: corteo, locri, mafia
Locri, in migliaia contro le mafie
Don Ciotti: «Oggi tutti sbirri»
È partito il corteo con il quale Libera celebra a Locri la XXII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. In testa al corteo ci sono i familiari delle vittime che reggono due striscioni di Libera con lo slogan della Giornata di quest'anno: «Luoghi di speranza, testimoni di bellezza». Dietro di loro una grande bandiera della pace portata da ragazzi migranti minorenni giunti in Calabria a bordo di barconi nei mesi scorsi. A seguire i gonfaloni, le autorità e migliaia di persone giunte da tutta Italia.

«Oggi a Locri siamo tutti sbirri. Ricorderemo tanti nomi di esponenti delle forze dell'ordine che hanno perso la vita e nessuno li può etichettare e insultare», ha commentato don Luigi Ciotti dopo le scritte offensive comparse ieri a Locri. «Ci vuole una rivoluzione culturale, etica e sociale  - ha detto don Ciotti - che ancora manca nel nostro Paese perché non è possibile che da secoli ancora parliamo di mafia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 21 Marzo 2017, 10:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Locri, migliaia in marcia contro le mafie. Don Ciotti: «Oggi siamo tutti "sbirri"»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-03-22 10:35:23
Ma quante sono le mafie? E quali? Secondo me, tutte quelle "associazioni" più o meno riservate che tendono a creare vantaggio ai propri "soci". Quindi Cosa Nostra, 'Ndrangheta, Camorra et similia, ma anche Focolarini, Massoneria, Opus Dei, Sionismo, Scientology. Tutte simili, tutte tese a sfruttare gli altri, tutte impegnate ad intromettersi nelle Istituzioni. Osserviamo con attenzione: sovente gli eredi di grandi "mafiosi" succedono ai padri dichiarando di combatterne i modi, ma sostanzialmente proseguendone le attività. E non solo in Sicilia o in Calabria.
2017-03-21 22:37:25
Di marce, vessilli e discorsi visti e sentiti tanti, ma le mafie potenti erano, potenti sono e potenti saranno laggiù.
2017-03-21 21:49:34
Cosa centrano i falsi profughi "minorenni", sbarcati con i barconi, con i problemi del Sud?
2017-03-21 19:53:09
Il problema non sono gli sbirri........ma quello che hanno combinato al senato, ma il piccolo presidente MUTO
2017-03-21 15:09:26
La statistica dice che un terzo del nostro territorio è nelle mani delle organizzazioni malavitose...vuol dire un patrimonio consolidato di circa 1.000 miliardi accumulato con affari per 150 miliardi l'anno !...oggi il potere politico/religioso protesta.....