In Italia record di giovani disoccupati che non cercano lavoro

PER APPROFONDIRE: disoccupazione, lavoro, neet
La Ue: in Italia record di giovani  disoccupati che non cercano lavoro
Un Paese dove il numero di lavoratori autonomi è fra i più alti d'Europa (più del 22,6%), i giovani fra 15 e 24 anni che non hanno e non cercano lavoro (i cosiddetti NEET) toccano il record Ue del 19,9% (la media europea è 11,5%), la differenza fra uomini e donne che lavorano è al 20,1%, e il numero di persone che vivono in condizioni di povertà estrema (11,9%) è aumentato fra 2015 e 2016, unico caso in Ue con Estonia e Romania. È la fotografia dell'Italia offerta dall'indagine 2017 sull'occupazione e sugli sviluppi sociali in Europa (Esde) pubblicata dalla Commissione.  

Il report evidenzia non solo le difficoltà che i giovani incontrano nell'affacciarsi al mondo del lavoro, ma anche tutte le conseguenze che questo comporta. Nel 2016, la disoccupazione fra i 15 e i 24 anni è stata al 37,8%, in calo rispetto al 40,3% del 2015, ma comunque la terza in Europa dopo Grecia (47,3%) e Spagna (44,4%). Chi riesce a trovare un lavoro, invece, in più del 15% dei casi ha contratti atipici (fra i 25 e i 39 anni, nel Regno Unito è meno del 5%, dati 2014), è «considerevolmente più a rischio precarietà», e se ha meno di 30 anni guadagna in media meno del 60% di un lavoratore ultrasessantenne. Ne consegue che i giovani italiani escono dal nido familiare e fanno figli fra i 31 e i 32 anni, più tardi rispetto a una decina di anni fa e molto dopo la media Ue, che si arresta intorno ai 26 anni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 17 Luglio 2017, 14:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In Italia record di giovani disoccupati che non cercano lavoro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-07-18 11:06:57
Quando una miniera o una cava si esaurisce inutile cercare ed insistere in quel luogo magari fare il becchino visto le decine centinaia di morti al giorno, ma anche questo è gestito dalla politica e dalla chiesa.
2017-07-18 08:58:10
Una delle due,o si sono stancati di cercare, oppure, di lavorare non ne hanno proprio voglia.
2017-07-18 07:12:45
Ma che cavolo di statistica √®???? Ma dai 15 ai 24 anni???? Ma se mal che vada uno √® a scuola fino ai 18 come cavolo si pu√≤ fare una statistica che inizia dai 15 anni??? Poi nn so gi√Ļ in meridione ma qui in Friuli di giovani che non hanno lavoro e nn lo cercano c √® ne pochi... Quindi facciamo statistiche sensate e non le solite cavolate all italiana
2017-07-18 00:10:54
Mi sembra inutile cercare quello che non c'è,i giovani scappano all'estero,(già 300.000 di loro) per cercare un futuro che in Italia viene loro negato.La priorità di questo governo è l'immigrazione incontrollata che genera profitti,e lo ius soli(la cittadinanza non deve essere un regalo ma si deve guadagnare).Manca totalmente una politica socio-economica che favorisca la crescita vera dell'Italia.Un vero insulto verso i caduti di due guerre mondiali,che volevano consegnare un paese capace di progredire,non di regredire.
2017-07-17 23:56:10
Gli immigrati fanno lavori facendosi pagare anche meno della metà di quanto dovrebbero percepire realmente...e quindi per gli schiavisti del lavoro (termine coniato da Papa Francesco)sono una manna dal celo...poi vivono in baracche appartamenti sovraffollati in condizioni che io sinceramente visto lo stato di igiene e pulizia raggiunto non mi sentirei di fare a parte che credo che se 10 italiani andrebbero a vivere in appartamento stile immigrati tempo una settimana sarebbero cacciati per violazione delle norme inerenti gli spazi pro persona...ma agli immigrati ciò viene concesso di fare,se devo lavorare per avere il niente meglio il niente e non lavorare