Terrorismo, Gentiloni: «Rischio radicalizzazione nelle carceri e nel web»

Terrorismo, Gentiloni: «Rischio  radicalizzazione da carceri e web»
«Uno dei risultati più importanti» del lavoro della commissione sulla radicalizzazione è aver appurato che «i percorsi di radicalizzazione si sviluppano soprattutto in alcuni luoghi, nelle carceri e nel web, più che in altri luoghi che abbiamo magari molto seguito negli scorsi anni o decenni. Non c'è un idealtipo uguale per ciascuno dei soggetti che si radicalizzano, sono situazioni molto diverse. Ma bisogna lavorare sulle carceri e sul web per la prevenzione». Lo dice il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

«C'è una specificità» italiana nei fenomeni di radicalizzazione e «per certi versi è più rassicurante nel senso che le dimensioni numeriche della radicalizzazione sono minori che in altri Paesi. Ma il fatto di avere un numero minore di persone radicalizzate o foreign fighters non ci deve indurre a sottovalutare il fenomeno e la necessità di capirlo».  

«La minaccia non autorizza a fare equazioni improprie tra migrazione e terrorismo», continua il ministro specificando che la «bussola su cui si muove il governo» richiede da un lato «politiche migratorie sempre più efficaci, che coniughino attività umanitaria e accoglienza» da un lato 3 «politiche di rigore e di efficacia nei rimpatri» dall'altro. Gentiloni ha anche ribadito come l'Italia stia facendo «un grande sforzo sul contrasto alla radicalizzazione e alla minaccia terroristica» e su questo fronte è necessario un impegno a «medio termine assieme alle comunità islamiche, ingaggiandole in un'attività di prevenzione».

Il ministro Minniti. C'è un «problema che riguarda il web ed è quello che io chiamo il 'malware del terrore'» contro il quale serve una battaglia che «non può essere limitata ad un singolo paese», ha ribadito dopo il premier anche il ministro dell'Interno Marco Minniti sottolineando che per arginare la propaganda del terrorismo islamico attraverso la rete e bloccare i processi di radicalizzazione occorre «costruire rete protettiva», che «deve essere il frutto di una cooperazione internazionale tra governi e grandi provider».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 5 Gennaio 2017, 11:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Terrorismo, Gentiloni: «Rischio radicalizzazione nelle carceri e nel web»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2017-01-06 09:44:59
Comunque questo personaggio (gentiloni) è uno di quelli che ha condannato l'Italia all'uso del carbone e gas per le centrali elettriche e a comprare quella delle centrali nucleari di oltre confine! con i prezzi che subiamo. Grazie. Tralascio di parlare dell'altro pelato, me ne ricorda un altro!
2017-01-05 21:01:27
Mai sentito nessun dire da cosa scappano queste persone,quali problemi e chi ne sia maggiormente responsabile,quali guerre gli "occidentali" stanno facendo a casa loro e quanti centinaia di migliaia di innocenti muoiono nei loro paesi grazie a queste guerre imperialistiche.E per evitare che ci possiamo trovare le risposte da soli stanno preparando la censura per il WEB.
2017-01-05 20:53:24
Ci sarebbero tanti modi, a mio avviso, per troncare sul nascere il rischio radicalizzazione dei musulmani nelle nostre carceri ma non si possono dire perché mi censurano. Un modo legale ci sarebbe e cioe' quello di stipulare un accordo commerciale con la Turchia inviando in questo Paese tutti i carcerati stranieri che sono racchiusi nelle nostre carceri, come fa la Germania con i profughi siriani che paga la Turchia per tenere nel suo territorio i profughi siriani, pagando alla Turchia il costo che l'Italia e' costretta subire per "mantenere", in tutti i sensi, i carcerati. Sono convinto che molti di questi nelle carceri turche gli passera' la voglia di radicalizzare con i terroristi e molti di loro usciranno dal carcere orizzontalmente.
2017-01-05 18:39:27
C'√® pure una "commissione sulla radicalizzazione". Ah, be', allora mi sento pi√Ļ sollevato e sicuro, tanto c'√® la "commissione".
2017-01-05 18:21:42
... la democrazia è già morta ( non si può essere cittadini senza moneta e senza territorio ) in arrivo la dittatura democratica ( in realtà si cercheranno i dissidenti troppo nazionalisti e poco progressisti )...