Roma, dimentica una paziente al bagno e la donna muore: infermiera a giudizio

PER APPROFONDIRE: bagno, infermiera, paziente, processo, roma
Dimentica una paziente al bagno e la donna muore: infermiera a giudizio

di Michela Allegri

Non poteva respirare da sola. Trascorreva a letto intere giornate, attaccata alla bombola dell'ossigeno. La signora Lucia, 60 anni, malata terminale, non riusciva nemmeno camminare. Una mattina ha chiesto a un’infermiera in servizio all’ospedale Israelitico di Roma, dove era ricoverata per un tumore, di accompagnarla in bagno. E' morta da sola, accasciata accanto ai sanitari. L’operatrice, infatti, si sarebbe dimenticata della paziente, staccando dal turno senza avvisare i colleghi. Ora, il gup Elvira Tamburelli l'ha rinviata a giudizio per abbandono d’incapace aggravato dal decesso della degente.

L'infermiera, due anni fa, era finita sotto processo per omicidio colposo. Al termine del dibattimento, il giudice l'aveva assolta. Accogliendo la richiesta dell'avvocato di parte civile, Alessandro Gentiloni Silveri, aveva però rimandato gli atti in procura contestando il reato di abbandono d'incapace. I periti del Tribunale, infatti, avevano stabilito che tra il decesso e il comportamento dell’imputata non ci fosse una relazione evidente: probabilmente, la sessantenne sarebbe deceduta comunque. Non sarebbe però dovuta morire da sola.

I fatti risalgono al 2 ottobre del 2011. Erano stati i vertici del nosocomio a sporgere denuncia. La paziente era ricoverata nel reparto di oncologia: aveva un tumore e soffriva d’insufficienza respiratoria. Alle 6,45 aveva suonato il campanello accanto al letto, perché aveva bisogno di andare al bagno e non era in grado di camminare. L’infermiera l'aveva quindi accompagnata ai servizi, ma era poi smontata dal turno, dimenticando di compilare il registro delle consegne. Lucia era rimasta sola. Era stata trovata nel tardo pomeriggio da un addetto alle pulizie: era accasciata senza vita accanto al water, con la testa appoggiata al muro. Dopo le prime indagini, la procura aveva chiesto l’archiviazione del caso, ma il gup aveva disposto l’imputazione coatta per omicidio colposo. Ora, il nuovo processo per abbandono d’incapace.  
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerd├Č 14 Luglio 2017, 21:41






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Roma, dimentica una paziente al bagno e la donna muore: infermiera a giudizio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-07-15 12:22:06
Siamo esseri umani non macchine..anche quelle fallibili. A quell'ora e dopo una notte di lavoro la stanchezza, la dimenticanza ci puo' stare. Ma il protocollo deve essere cambiato. Come mai al passaggio di mattina in corsia il personale non si sia accorto che la donna mancava? dov'era?
2017-07-15 07:51:50
Per conto mio sono dimenticanze imperdonabili.
2017-07-15 06:12:59
A frequentare episodicamente l'ambiente di un reparto ospedaliero...si vede personale( non solo infermieristico) sveglio ed efficiente e ...altri che invece sono stanchi e poco presenti all'inizio del loro turno.Prima di mettere in borsetta un qualche referto compilato da medico, controllate sempre in tempo reale cosa ha scritto..magari c'e' un errore formale ma anche omonimia,qualcosa che voi sapete ed e' sfuggito..e portatevi sempre il dossier con i vari referti o certificati in forma cartacea o CD.Dicono che hanno tutto accessibile tramite computer, ma qualche volta...sfugge o e' rotto il marchingegno.E speriamo vsi trovino ricoverati in stanza con voi che in caso avvisano.