Caserta, uccide il padre per difendere la madre dalle botte; arrestato 28enne

PER APPROFONDIRE: botte, figlio, padre ucciso
Uccide il padre per difendere la madre dalle botte: arrestato 28enne
Ha ucciso il padre per difendere la madre dalle sue ripetute violenze cercando inizialmente di nascondere le sue responsabilità spalleggiato dalla donna che si è accusata del delitto. Ma messo alle strette ha vuotato il sacco. Tutto è accaduto ieri pomeriggio ad Alife, nell'Alto Casertano, dove è finito in manette il 28enne Daniele Leggiero, accusato di omicidio volontario. Il padre, Giuseppe, 50 anni, imprenditore caseario, è morto all'ospedale di Piedimonte Matese dove era stato condotto dalla moglie e dal figlio, che in un primo momento avevano accreditato la tesi dell'incidente. La tragedia si è consumata nel caseificio della famiglia Leggiero, ad Alife, ma la dinamica dei fatti è stata ricostruita dai carabinieri e dal sostituto Giacomo Urbano della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere solo a tarda notte, a causa dei depistaggi della moglie della vittima, Patrizia Navarra, e dal figlio 28enne.

I due hanno trasportato Giuseppe Leggiero in ospedale quando l'uomo era già in fin di vita per una ferita da arma da taglio all'emitorace sinistro. Ai sanitari i due hanno parlato di un incidente avuto dall'uomo mentre era intento alla lavorazione dei latticini nel caseificio di proprietà, quindi sono tornati a casa. I carabinieri, avvisati dai sanitari, hanno cominciato ad indagare cercando riscontri alla versione dell'incidente, ma nell'azienda dei Leggiero hanno scoperto che la zona indicata come luogo del sinistro era estremamente pulita e in ordine. Messa alle strette, la donna ha quindi confessato di aver ucciso il marito perché stanca di subire il suo carattere violento, le sue continue aggressioni fisiche e le minacce verbali.

Un incubo durato anni - ha spiegato la donna - dicendo di non avere mai sporto denuncia. Il racconto delle donna non ha però convinto gli inquirenti, soprattutto perché non ha voluto rispondere alle domande del magistrato sui particolari del delitto, dicendo solo che era stata lei; inoltre il figlio, convocato in caserma, non si è presentato in un primo momento. Quando era già tutto pronto perché la donna fosse condotta nel carcere femminile di Pozzuoli, il 28enne è però arrivato in caserma in compagnia dell'avvocato Giuseppe Stellato, e ha confessato. «Sono stato io ad uccidere mio padre, non ce la facevo più a sopportare le sue violenze su mamma».

Il giovane ha detto di essere intervenuto per sedare l'ennesima lite tra i genitori; ha provato ad allontanare il padre dalla madre, spintonandolo lontano e gettandogli addosso tutto ciò che trovava; così avrebbe fatto anche con un coltello, che si è conficcato nel torace del 50enne ferendolo mortalmente. L'arma è stata trovata e sequestrata. Daniele Leggiero è stato arrestato e posto ai domiciliari in attesa della convalida del fermo da parte del Gip. Gli inquirenti non sono molto convinti che il coltello sia stato lanciato perché la lama sarebbe entrata in profondità, come se fosse stata spinta con forza. Sarà l'autopsia ad accertare le modalità dell'assassinio. Nell'abitazione c'era anche il figlio 13enne della coppia, che ha sentito tutto ma non è intervenuto perché «mamma e papà - ha spiegato ai carabinieri - litigavano spesso». La figlia maggiorenne non era invece in casa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 17 Settembre 2017, 10:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Caserta, uccide il padre per difendere la madre dalle botte; arrestato 28enne
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-09-17 21:32:38
se invece di inventarsi tante bugie dicevano fin da subito la veritĂ  probabilmente non avrebbero avuto particolari problemi. sempre che la veritĂ  sia quella.
2017-09-17 11:43:41
essenziale la foto e la funzione del coltello.