"Ruba" il profilo Facebook: costretto
a mangiare escrementi e a leccare il wc

di Gabriele Zanchin

TREVISO - Segregato in bagno e costretto a mangiare escrementi e a leccare la tavola del water. Nonnismo da caserma? No. La scioccante vicenda, che vede coinvolti due 15enni, si Ť consumata all'interno di una casa di accoglienza delle Pedemontana trevigiana. L’episodio ha portato alla denuncia di un minorenne, tra l'altro gi√† ai domiciliari per rapina aggravata, che ora deve rispondere di violenza privata e minacce.



A scoprire quanto stava accadendo √® stato un educatore che ha segnalato l’angosciante vicenda ai militari dell’Arma. La delicata indagine √® stata portata avanti dai carabinieri di Fonte, coordinati dal comandante della Compagnia di Castelfranco, Salvatore Gibilisco.



Il 15enne viveva da tempo nella struttura protetta, dividendo la camera con un coetaneo. Qualche giorno prima era accaduto un episodio futile che il ragazzino non aveva gradito. Aveva infatti scoperto che il coetaneo si era impossessato del suo profilo Facebook. Un'onta che doveva in qualche modo essere lavata. Come? Approfittando del suo fisico e del suo forte carattere, ha rinchiuso il compagno di stanza nel bagno per poi costringerlo non solo a mangiare gli escrementi, ma anche a leccare la tavola del water.



Una violenza fisica e psicologica aberrante che √® venuta a galla quasi subito perch√© un educatore si √® accorto che i due ragazzi mancavano all'appello. Cos√¨ si √® recato nella loro stanza trovandovi solo il 15enne che, in un primo momento, ha cercato di sviarlo. L’operatore per√≤ ha intuito che qualcosa non andava. A confortare i suoi sospetti sono arrivati i rumori provenienti dalla toilette. Ha cos√¨ aperto la porta e trovato l’altro 15enne in condizioni pietose. Appena vista la porta spalancarsi il ragazzino, per la vergogna, √® scappato, guadagnandosi la "libert√†".



L’aguzzino, non pag√≤ di quello che aveva combinato, ha afferrato un coltello da tavola, l'ha puntato verso l'operatore e lo ha minacciato: ¬ęFai silenzio - ha sibilato - o ti ammazzo¬Ľ. L’educatore ha mantenuto la calma e √® riuscito a farlo ragionare e a fargli deporre il coltello. Ma l’episodio di violenza non poteva restare impunito. I responsabili della casa d'accoglienza si sono cos√¨ rivolti ai carabinieri che, con la riservatezza richiesta dal caso, hanno ascoltato vittima e carnefice, portando alla luce la drammatica storia di disagio giovanile.

Domenica 14 Aprile 2013, 10:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
"Ruba" il profilo Facebook: costretto
a mangiare escrementi e a leccare il wc
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2015-10-13 16:09:53
A 15 anni, già autore di una rapina, in una "casa di accoglienza"... ecco a cosa porta l'impunità di fatto garantita.
2015-10-15 12:51:20
Non centro di accoglienza ma casa ergoterapica detto anche manincomio apriteli di nuovo e cominciate con le terapie come una volta per determinate persone affette da disturbi gravi della personalita'