India, in 6 violentano una sedicenne e la gettano da un treno in corsa

PER APPROFONDIRE: india, stupro, violenza
Violentano una sedicenne e la gettano dal treno in corsa: un arresto, caccia ad altri 5 uomini
Nuovo caso di violenza sulle donne in India. Una sedicenne è stata violentata da sei giovani, che l'avrebbero poi gettata da un treno in corsa in Bihar, stato orientale del Paese, come ha riferito oggi la polizia. Gli aggressori avevano approcciato l'adolescente nei pressi della sua abitazione venerdì, nel distretto di Lakhisarai, per poi trascinarla in un'area isolata, dove si è consumato lo stupro, come ha raccontato il capo della polizia regionale Ashok Kumar.

Successivamente la giovane è stata forzata a salire su un treno locale ed è stata ritrovata ore dopo sui binari, ferita e in stato di incoscienza. La famiglia della ragazza afferma che sia stata lanciata dal convoglio in corsa, ipotesi sulla quale la polizia sta ancora indagando. «La ragazza è in cura per gravi ferite. Abbiamo arrestato uno dei sospetti, un ragazzo, e stiamo ancora aspettando i risultati degli esami medici per la conferma dell'avvenuto stupro», ha detto Kumar.

Il Capo di stato del Bihar, Nitish Kumar, ha promesso severi provvedimenti contro i colpevoli. Il tema della violenza sessuale è stato al centro dell'attenzione pubblica in India da quando, nel 2012, una 23enne venne stuprata da 6 persone, compreso l'autista dell'autobus su cui stava viaggiando. Nonostante ciò, gli attivisti denunciano che i cambiamenti culturali in tema di aggressioni sessuali sono stati minimi e le violenze sulle donne continuano senza sosta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Luned├Č 19 Giugno 2017, 18:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
India, in 6 violentano una sedicenne e la gettano da un treno in corsa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-06-20 06:45:57
## India,civilta' millenaria, si si . Se la conosci,scappi a gambe levate.
2017-06-19 19:26:08
Rischiano poco o niente. E' la loro cultura a cui pure giudici, poliziotti e politici sono complici.