Gran Bretagna, la scuola inglese distingue tra bimbi italiani, napoletani e siciliani

PER APPROFONDIRE: italiani, napoletani, scuola
Moduli d'iscrizione nelle scuole inglesi: bimbi divisi in italiani, napoletani e siciliani

di Enzo Vitale

«Lei è italiano, siciliano o napoletano?». Questa richiesta della burocrazia di Sua Maestà ha fatto storcere il naso a molti connazionali che vivono oltre Manica. E in tanti, dopo l'estemporanea iniziativa degli uffici pubblici inglesi del dopo Brexit, ancora si chiedono se si tratta di una forma di sondaggio voluto proprio per evitare che vi siano discriminazioni o una paurosa gaffe etnica. Il dubbio è sorto spontaneo agli italiani della Gran Bretagna che volevano iscrivere i figli a scuola: oltre alla nazionalità, infatti, è stata chiesta anche la provenienza regionale.

LA DICHIARAZIONE - Come ogni anno Giovanna (il nome è di fantasia, ma il caso è reale) stava per iscrivere una delle sue bambine a scuola, dalle elementari alle medie. In Gran Bretagna è un'operazione che deve essere fatta con un anno di anticipo. All'atto della richiesta online, la sua sorpresa è stata davvero tanta. Nel dichiarare la nazione di appartenenza ha dovuto constatate che gli italiani erano stati divisi tra italiani, napoletani e siciliani.

IL PROF - «All'inizio pensavo fosse uno scherzo, di quelle bufale che si trovano su Internet, ma poi per capire meglio ho chiamato la persona, una mia cara amica, e lei mi ha confermato tutto». Michele La Motta, da 25 anni a Cambridge, di origini partenopee ma di fatto inglese, commenta: «La signora mi ha detto che doveva iscrivere la sua bambina al primo anno di quella che in Italia è la prima media. Qui ormai si fa tutto online. Al momento di descrivere la nazionalità, sul modulo ha però trovato alcune opzioni che fino a poco tempo fa non c'erano».
In effetti le categorie presenti sul sito governativo (che poi riportava a quello della scuola) erano sempre state molto chiare e semplici: britannico bianco, scozzese, irlandese o gallese; bianco europeo o altre nazionalità.
«Ora invece tutto sembra cambiato -continua il docente che a Cambridge insegna Italiano e Spagnolo -, al posto di bianco europeo sono state aggiunte diverse opzioni e quando si arriva all'Italia compare questa scritta: Italian (Any Others), Italian (Napoletan) e Italian (Sicilian). Non ci volevo credere, ma è la pura verità. Infatti abbiamo scritto pure ad un giornale locale per capire cosa stesse accadendo».

IL RICERCATORE
«Anche a me è capitata la stessa cosa - testimonia Matteo Cadeddu, giovane fisico ora all'Istituto nazionale di astrofisica di Cagliari-, addirittura, dopo che mi avevano chiesto se ero sardo mi hanno pure domandato se mi sentissi più tedesco che italiano e, a dire il vero, la cosa un po' mi ha infastidito. Mi hanno poi spiegato che è una forma di sondaggio voluto proprio per evitare che vi siano discriminazioni. Le istituzioni inglesi sono obbligate a farlo e i dati vengono utilizzati da un ente esterno che verifica che statisticamente non sia stato rifiutato nessuno per la sua etnia, mah sarà...».
In attesa di saperne di più, Michele La Motta, il docente italiano da 25 anni a Cambridge, sta facendo una sua personale ricerca. Vuole sapere dai suoi amici spagnoli se anche loro sono stati divisi tra galleghi, baschi e catalani.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 8 Ottobre 2016, 08:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gran Bretagna, la scuola inglese distingue tra bimbi italiani, napoletani e siciliani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2016-10-10 09:35:17
Potrebbe darsi che adesso ( visto come funziona l'italia) abbiano bisogno di politici meridionali per poter governare l'Inghilerra. Evidentemente, adesso con la Brexit, si trovano da soli e non ce la fanno più.
2016-10-09 20:47:23
Purtroppo il nome "italiano" è stato ben infangato all'estero da gente del sud, spesso malavitosa o con poca voglia di lavorare ( anche se ho trovato delle brave - bravisssime persone). Credo che anche un sud- tirolese, che andasse all'estero e vedessero nella sua carta d'identità il timbro "italia", non facciano tanta distinzione fra uno dell'Alto Adige ed uno di Napoli, chiesto ad un mio parente che vive in inghilterra. Pure qui sulle colline pedementane del Veneto e sulle prealpi venete è tutta zona germanofona, avendo avuto ancora prima dell'anno mille fino al 1500 d.c. una forte immigrazione bavarese austriaca e soprattutto cimbra ma all'estero ci tacciono sempre tutti da italiani. Merito della mafia, della camorra, dell' andragheta e dei tanti episodi che all'estero hanno sempre fatto parlare degli italiani ( del sud soprattutto)in senso negativo.
2016-10-09 20:25:53
EBBEH......., questa distinzione la facciamo anche noi in Veneto. Cosa ci sarebbe di strano?.
2016-10-09 17:08:26
Sei ottimista purtroppo non è così. (ho vissuto per anni in Austria)
2016-10-09 15:39:32
fioraio, povero illuso. Quando il Veneto tornerà Serenissimo le pensioncine per i veneti saranno finanziate dai veneti per i veneti e molto più sostanziose di adesso. Quelle che ricevono adesso i veneti sono elargite dai veneti, lombardi,emilioromagnoli,piemontesi, un poco dalle rosse liguria,toscana,marche e umbria. Quel minimo che viene versato dalla Sicilia e Napoletania nel pentolone, proviene dai statali, che vengono pagati con i soldi del nord. Con questo non voglio dire che voi non lavorate, solo che lavorate in nero.