Statali, via libera a licenziamento lampo per furbetti del cartellino

PER APPROFONDIRE: cartellino, marianna madia, statali
Statali, via libera a licenziamento lampo per furbetti del cartellino
ROMA Tornano i licenziamenti sprint per i furbetti del cartellino. O meglio sarebbe dire restano, perché nonostante la pronuncia della Consulta di novembre dello scorso anno che aveva indicato il provvedimento tra quelli sui quali era necessaria un'intesa con le Regioni, il decreto è sempre rimasto in vigore. Ieri il consiglio dei ministri ha semplicemente adottato quello che tecnicamente si chiama un «correttivo» del testo, per andare proprio incontro ad alcune delle richieste arrivate dai governatori per dare il loro disco verde alla normativa sul licenziamento dei furbetti. L'impianto, dunque, nella sostanza rimane immutato. Chi è colto in flagrante, anche mediante riprese video, a timbrare il cartellino e ad allontanarsi dal posto di lavoro, dovrà essere sospeso entro 48 ore in via cautelare dallo stipendio, fatto salvo il diritto all'assegno alimentare. Il procedimento disciplinare dovrà partire immediatamente, e dovrà concludersi eventualmente non il licenziamento entro 30 giorni. Se il dirigente responsabile del dipendente furbetto si gira dall'altra parte, rischia di essere messo alla porta anche lui. Nel decreto bis viene introdotto «l'obbligo di comunicazione dei provvedimenti disciplinari all'Ispettorato per la funzione pubblica entro 20 giorni dall'adozione degli stessi». La novità ha l'obiettivo, spiega il governo, di «consentire il monitoraggio sull'attuazione della riforma, anche per adottare ogni possibile strumento che ne garantisca la piena efficacia». Tutti i dati saranno così raccolti in un cervellone informatico ad hoc che consentirà di controllare in modo accurato l'andamento delle sanzioni, dai richiami ai licenziamenti, passando per le sospensioni.

LE ALTRE NOVITÀ
Oltre al decreto sui furbetti, ieri il governo ha approvato anche la nuova versione del provvedimento taglia-partecipate, quello che secondo le intenzioni dovrebbe portare ad uno sfoltimento delle società controllate da Comuni e Regioni che dovrebbero alla fine essere ridotte da circa 8 mila a solo mille. La principale novità è la proroga di tre mesi del termine per la ricognizione, in funzione della revisione straordinaria, di tutte le partecipazioni possedute. La scadenza individuata precedentemente era quella del 23 marzo, che viene invece spostata al 30 giugno 2017 per dare tempo alle amministrazioni di adeguarsi al decreto. Alla stessa data viene rinviata anche la ricognizione del personale del personale in servizio, per individuare eventuali eccedenze. Non vengono invece cambiati i parametri delle società che devono essere chiuse: quelle che non rientrano nei settori consentiti, quelle che hanno un fatturato inferiore a 1 milione di euro, quelle costantemente in rosso, quelle che hanno più consiglieri di amministrazione che dipendenti. Tra le altre novità comunicate da Palazzo Chigi c'è anche la possibilità per Regioni e Comuni di avere partecipazioni nelle società aventi per oggetto sociale la produzione di energia da fonti rinnovabili. Inoltre »le università possono costituire società per la gestione di aziende agricole con funzioni didattiche. Infine, nel caso di partecipazioni regionali, l'esclusione, totale o parziale, di singole società dall'ambito di applicazione della disciplina - si legge - potrà essere disposta con provvedimento motivato del Presidente della Regione, adottato in ragione di precise finalità pubbliche nel rispetto dei principi di trasparenza e pubblicità.
Non è invece stato approvato il terzo dei decreti correttivi della legge Madia, quello sui criteri di nomina dei direttori delle Asl. La norma in vigore prevede che vengano selezionate delle rose di nomi all'interno delle quali i governatori dovrebbero scegliere i manager. Le Regioni vogliono far saltare questa norma. Ieri il decreto non è stato esaminato per l'assenza del ministro della Salute Beatrice Lorenzin.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 17 Febbraio 2017, 13:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Statali, via libera a licenziamento lampo per furbetti del cartellino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2017-02-17 13:41:55
Ma alla ministra Madia non gliel'ha detto nessuno che ogni licenziamento di lavoratore statale corrisponde a un voto che perdono i comunisti?
2017-02-17 14:13:18
e per i furbetti che sono al parlamento niente licenziamento lampo?
2017-02-17 14:23:52
Sono sicuro che non succedera' mai!! E' impossibile che licenzino in tronco l'impiegato che imbroglia con la timbratura del cartellino quado non licenziano il Dirigete che prende le mazzette, fa ;e spese pazze, addebita vacanze, viaggi, trasferte, hotel e ristoranti di lusso, ed il cartellino non lo vede proprio!!
2017-02-17 14:44:15
gucci, suppongo che siano da annoverare come selvaggi comunisti tutti quelli che non la pensano come lei, ma non si preoccupi, i veri comunisti questi qui non li votano nemmeno con la pistola alla tempia.
2017-02-17 15:23:34
Io non voto praticamente da quando ne avrei avuto diritto. Certamente non perché non abbia una mia idea, anzi!! Ai miei tempi si votava a 21...io avevo iniziato con l'attivismo diciamo un po' prima dei 18...questo mi è bastato per capire che il marcio della politica è a largo spettro, interessa tutti nessuno escluso (i punti di sutura guadagnati sul campo ne sono a testimonianza). Però ahhhh i comunisti sono imbattibili, votano per Renzi ...ma poi quello non è vero comunismo, si leccano le ferite da sole e continuano a fantasticare su di un comunismo al di sopra delle parti...compagni....non siete peggiori degli altri!!ma neanche migliori!!quel "comunismo" al quale ambite non esiste, se esiste (nei sogni) non è di questo mondo nella realtà.