Pil, Istat rivede le stime di crescita: da +0,8 a +0,7%. Pressione fiscale stabile al 43,4%

PER APPROFONDIRE: istat, pil
Pil, Istat rivede le stime di crescita del 2015: da +0,8% a +0,7%
Revisione al ribasso per l'andamento del Pil italiano nel 2015: il dato finale dell'Istat fissa la crescita a +0,7% rispetto alla stima preliminare dello 0,8% diffusa a marzo. Nel 2015, continua l'istituto, il Pil ai prezzi di mercato risulta pari a 1.642.444 milioni di euro correnti. Rivisto anche, ma al rialzo, il Pil 2014 a +0,1% (da -0,3%). Il Pil 2014 era di 1.620.381 milioni. Nel 2015 si registra quindi un incremento di oltre 22 miliardi di pil rispetto al 2014.

Nel 2015 la pressione fiscale in rapporto al Pil si è attestata al 43,4%, invariata rispetto al dato del 2014. Lo rende noto l'Istat, correggendo, negli ultimi conti economici nazionali, le stime di aprile scorso pari a 43,5% per il 2015 e a 43,6% per il 2014.

«Il primo anno di ripresa coincide con l'insediamento di questo governo, questo ci incoraggia a proseguire nella direzione che l'esecutivo ha preso». Così un portavoce del Mef commenta le cifre Istat sul Pil e la revisione in positivo del 2014. «I dati sull'economia vanno affrontati con meno emotività. La revisione 2014 fa intendere che le politiche di sostegno della domanda attuate dal governo abbiano avuto un impatto già nel primo anno. L'intensità della ripresa non viene ritenuta soddisfacente, ma la crescita è tornata già da tre anni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Settembre 2016, 11:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pil, Istat rivede le stime di crescita: da +0,8 a +0,7%. Pressione fiscale stabile al 43,4%
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2016-09-23 15:25:32
Quando Renzi lascera' la presidenza, a breve, sono convinto che l'ISTAT ci dira' che le stime di crescita del 2015 non erano dello 0,8 e neanche dello 0,7% ma dello 0,5%, dopo pero', non adesso.
2016-09-23 17:31:52
Zero virgola!!! Urge INDIPENDENZA per non soccombere.
2016-09-23 19:02:27
.... eravamo poveri. torneremo ad esserlo. solo un po di più ed in casa d'altri.. per questi altri i soldi si trovano sempre... daltronde questo è il sol dell'avvenir..
2016-09-23 20:32:09
Il parolaio fiorentino bara pure sul debito pubblico: per lui è in discesa, per molti molti altri in salita!!
2016-09-24 08:01:45
Entra in vigore ESA 2010, un nuovo calcolo per la contabilita pubblica sul PIL 2015; Prostituzione, contrabbando e traffico di droga inserite nel Pil.- Ci potrebbe infatti essere una possibile crescita del Pil tra l'1 e il 2% per i Paesi con le economie più deboli d'Europa. Cercatevi quest'articolo e capirete dove è la crescita del PIL del 2015 di cui si vanta Fonzie.