Padoan: piani comuni per la crescita con Merkel e Macron

PER APPROFONDIRE: pier carlo padoan
Padoan (LaPresse)
La crescita italiana si consoliderà nei prossimi anni, quando si potranno sfruttare appieno le riforme, intanto è «incoraggiante» e sarà sostenuta insieme con quella Europea dalle politiche comuni di Germania, Francia e Italia che i capi di governo e i ministri dell'Economia intendono portare aventi. Mostra fiducia Pier Carlo Padoan e ribadisce ancora una volta che il peggio per le banche italiane «è alle nostre spalle».

Sarà evitato il bail in per gli istituti veneti e per tutte le situazioni di crisi del sistema creditizio a cui si spera a breve di trovare una soluzione. Così come per Alitalia, auspica Padoan, per «vedere volare ancora gli aerei della compagnia». «Salvare le banche - spiega il responsabile dei conti italiani - non significa salvare i banchieri, ma i risparmiatori. Ci sono casi di cattiva gestione. Quello che si sta facendo è trovare soluzioni. Non ci sarà bail in».

Il ministro interviene a Bologna, all'iniziativa Repubblica delle Idee, per sottolineare che sulla crescita «c'è un dialogo tra i capi di governo» delle tre principali economie dell'Europa «per portare avanti idee comuni sulla crescita». Ci sarà un incontro tra i «ministri economici di Francia, Germania e Italia per stabilire i punti di una agenda su politiche comuni di crescita» precisa Padoan aggiungendo come adesso sia fondamentale non fermare le riforme perché «alcuni a livello internazionale pensavano che nei tre anni di governo Renzi si fosse intrapreso un cammino, poi interrotto con la sconfitta al referendum. Ora - avverte - non rischiamo di dare il segnale che l'Italia continuerà a produrre poche riforme».

Anche perché adesso, a ridosso di un possibile ridimensionamento del quantitative easing della Bce bisogna prepararsi ad un mondo post-recessione. «Rimango ottimista - afferma Padoan - siamo un grande Paese. Tra pochi anni sarà il mondo della post-recessione e della ricollocazione delle risorse. E dobbiamo farci trovare pronti, andando avanti con le riforme» appunto. E «tra le tante da poter scegliere, sceglierei quella della pubblica amministrazione, quella 4.0», spiega il ministro, «ne vedremmo tutti gli effetti per l'economia e la vita dei cittadini». Si tratta infatti di un cambiamento «strutturale che dà impulso a tutte le altre riforme».

«Lo scenario del Qe si sta esaurendo - continua il ministro - È molto importante per un paese ad alto debito e dobbiamo prepararci. Ma nel mondo dopo il Qe ci sarà più inflazione e questo è bene, più profitti. È un mondo diverso, non peggiore - rassicura Padoan - Poi noi dovremo essere attenti a rafforzare le nostre riforme e confermando la fiducia anche in periodo elettorale».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 18 Giugno 2017, 20:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Padoan: piani comuni per la crescita con Merkel e Macron
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-19 01:26:40
.....abbiamo moltissime belle idee ed intenzioni.....peccato per l'eterna instabilita' politica....!..camminiamo sulle uova dal 1945...! ...Quando De Gasperi voleva la leggi di maggioranza....gliela hanno affossata (anche i suoi colonnelli) come "legge truffa" ....lui poco dopo mori' di crepacuore....e noi su e giu' con l'otto volante dei partiti che si sono riempiti le tasche a scapito del progresso del paese...! ...amen....!