Padoan: «Nel 2018 non scatterà l'aumento dell'Iva»

PER APPROFONDIRE: conti pubblici, def, pier carlo padoan
Pier Carlo Padoan
Abbandonare il consolidamento dei conti pubblici sarebbe «controproducente» e «una scelta rovinosa per il Paese della quale pagherebbero le spese soprattutto i ceti più deboli». D'altra parte una contrazione del deficit «oltre il ragionevole» rischierebbe di «colpire la ripresa». Questo è il «sentiero stretto» indicato dal ministro dell'Economia  Pier Carlo Padoan durante la sua audizione alle Camere sul Documento di economia e finanza. A proposito dell'aumento dell'Iva che dovrebbe scattare nel 2018, il ministro ha confermato la volontà del governo di «intervenire con la prossima legge di bilancio per modificare la previsione di incremento delle imposte e sostituirla con altre misure, sul lato delle spese e sul lato delle entrate». Quindi di evitare il rialzo delle aliquote.

Padoan si è detto «non soddisfatto» del livello di crescita che dovrebbe essere raggiunto, nel 2017, che comunque sarà il quarto anno consecutivo di Pil con il segno positivo». Anche il tasso di disoccupazione  secondo il ministro «è inaccetabilmente elevato, specialmente tra i giovani». Quanto alle tasse è «confermata la volontà del governo di proseguire nel percorso di progressiva riduzione della pressione fiscale». Allo stesso tempo «resta la necessità di finanziare tale riduzione in modo permanente, così che i tagli siano credibili».

L'intervento di Padoan fa parte del ciclo di audizioni del Def presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Il Parlamento dovrà pronunciarsi sul Documento del governo (che non è una legge) con apposite risoluzioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Aprile 2017, 15:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Padoan: «Nel 2018 non scatterà l'aumento dell'Iva»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-04-19 19:40:55
L'IVA e' piu' democratica di altre tasse. Piu' consumi piu' paghi. E piu' il bene e' ricco, piu' costa, piu' paghi. Considerato che i beni essenziali sono a IVA agevolata, se compri un telefonino da 100 euro, pagarne 22 o 25 di IVA sposta poco. Se ti puoi permettere un telefonino da 800 non sono quei 30 euro in piu' a mandarti fallito. Non parliamo poi di beni ben piu' cari, a partire dalle automobili. Per altro, molti evasori possono spendere piu' agevolmente e se si fanno il SUV da 100.000 euro almeno lo stato recupera qualcosa.