Istat: nel 2016 l'11,9% degli italiani in situazione di disagio economico e materiale

PER APPROFONDIRE: istat, povertà
Nel 2016 l'11,9% degli italiani in situazione di disagio economico
«Nonostante il miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie, nel 2016 non si è osservata una riduzione dell'indicatore di grave deprivazione materiale, corrispondente alla quota di persone in famiglie che sperimentano sintomi di disagio. Secondo i dati provvisori del 2016, tale quota si attesta all'11,9%, sostanzialmente stabile rispetto al 2015». Così il direttore del dipartimento per la produzione statistica dell'Istat, Roberto Monducci, in audizione sul Def davanti alle commissioni Bilancio del Parlamento.

«Tra il 2015 e il 2016 l'indice peggiora per le persone anziane (65 anni e più) (da 8,4% a 11,1%), pur rimanendo al di sotto del dato riferito all'insieme della popolazione, e per chi vive in famiglie con persona di riferimento in cerca di occupazione (da 32,1% a 35,8%)», spiega Monducci. Si confermano poi «gli elevati valori di disagio economico per le famiglie residenti nel Mezzogiorno (la quota delle persone gravemente deprivate è oltre tre volte quella del Nord), per le famiglie monogenitore con figli minori (17,5%) e tra i membri delle famiglie con a capo una persona in cerca di occupazione (35,8%), in altra condizione non professionale (a esclusione dei ritirati dal lavoro) o con occupazione part time (22,8% e 16,9% rispettivamente)». Nel 2016 resta sopra la media la quota di bambini e ragazzi in serio disagio ma si registra una «lieve diminuzione rispetto agli anni precedenti». Sono, specifica l'Istat, «in condizione di grave deprivazione 1 milione 250 mila minori, pari al 12,3% della popolazione con meno di 18 anni». Di certo, conclude Monducci, i dati confermano «l'urgenza degli interventi previsti dal governo per il contrasto alla povertà».

Sono 7 milioni 209 mila le persone che in Italia vivono in famiglie in grave deprivazione materiale, ovvero in seria difficoltà economica, rende noto l'Istat, traducendo in numeri assoluti la quota (11,9%) di quanti nel 2016, secondo i dati provvisori, si trovano in nuclei, che sono 3 milioni 134 mila, con almeno 4 sintomi di disagio su un set di 9 (dal non potersi permettere le vacanze o un pasto proteico adeguato all'essere in arretrato con bollette, affitti o mutui).

«Serve uno scatto dell'economia per centrare gli obiettivi di crescita del Pil previsti dal Governo per il 2017» (+1,1%), spiega Monducci. «Le oscillazioni del commercio estero e della produzione industriale osservati nei mesi di gennaio e febbraio potrebbero rappresentare dei fattori di rischio per la crescita del primo trimestre 2017», spiega. «Nel primo trimestre abbiamo una forte turbolenza sul piano produttivo che implica un'accelerazione». Quindi, aggiunge, «potremmo avere un problema nel primo trimestre ma lo scenario in corso d'anno è positivo» e rende «plausibile» una «progressiva accelerazione» per raggiungere il target di crescita dell'1,1% del Prodotto interno lordo. Ricapitolando, risulta «necessaria una promessa di tassi di crescita rilevanti, significativi, in corso d'anno». Infatti, sottolinea Monducci nel corso dell'audizione, «si segnala che una crescita nel primo trimestre in linea o inferiore a quella osservata negli ultimi tre mesi del 2016», ovvero dello 0,2%, «richiederebbe, ai fini del raggiungimento degli obiettivi indicati dal governo per il 2017, una accelerazione dei ritmi di espansione nei trimestri successivi».

Nel 2016 «tra le principali voci di spesa che hanno segnato una contrazione si evidenziano gli investimenti (-4,5%), in calo per il settimo anno consecutivo». Monducci rileva anche un calo della spesa per interessi (-2,6%). «Per effetto del rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato nella fase finale del 2016, la spesa per interessi registra - spiega - nel quarto trimestre una variazione tendenziale nulla che interrompe la tendenza alla riduzione iniziata nel primo trimestre 2013».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Aprile 2017, 09:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Istat: nel 2016 l'11,9% degli italiani in situazione di disagio economico e materiale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-04-20 08:58:09
Amburgo, come i m5s dai una risposta ambigua, niente di concreto!!! ripeto la domanda: i m5s da dove prendono questi fantomatici miliardi (individuati dove???? come al solito aumento delle tasse) e nemmeno se mi pagano leggo quello che dice grillo il fariseo
2017-04-20 00:04:18
Una volta le famiglie sapevano risparmiare, e far durare i soldi di più. Attualmente molti spendono come se fossimo ancora in boom economico. Bisogna ritornare a quella mentalità di risparmio.
2017-04-19 15:52:39
Amburgo, m5s facile parlare a vanvera!!! mica dicono da dove prendere questi 20 miliardi (magari ri-tartassare i poveri per poi ritornare le briciole perche' i soldi si perdono per strada)
2017-04-19 18:49:05
Mio caro gentile Dutchmann il M5S i fondi, circa 16,5 miliardi di Euro, per il Reddito di Cittadinanza li ha individuati da tempo. Le risorse, che fanno parte della proposta di legge del M5S, sono state prese in esame anche dalle relative Commissioni Parlamentari e dall'Istat. Si prenda un po' di tempo e consulti il Blog del Sig. Beppe Grillo e il sito internet M5sParlamento, vedrà che mi darà ragione. Se non si vuole applicare il Reddito di Cittadinanza per far crescere ancora di più il consenso al M5S, almeno si dia attuazione al Reddito Minimo Garantito del Prof. Tito Boeri. L'importante è risolvere il problema, aiutare gli oltre 12 milioni di persone e famiglie che soffrono e che si trovano nello stato di bisogno e difficoltà.
2017-04-19 14:08:27
Il 12% della popolazione italiana corrisponde a circa 7 milioni fra persone e famiglie in profonda difficoltà. Guadate che sono tanti per un Paese considerato fra i più industrializzati e ricchi del mondo. Per venire incontro a questa piaga secondo me c'è una soluzione: un sostegno mensile a tutte queste persone. Che lo si chiami Reddito Minimo Garantito proposto dal Prof. Tito Boeri, attuale Presidente dell'Inps o Reddito di Cittadinanza proposto dal M5S poco cambia. L'importante è aiutare, venire incontro a moltissime persone e famiglie che si trovano in una situazione di difficoltà, che non arrivano alla fine del mese. Purtroppo le Forze politiche che sostengono il Governo, in particolare il Pd, non hanno preso in considerazione nessuna delle due soluzioni sopracitate. In compenso alcune settimane fa tutti i Partiti, meno il M5S, si sono espressi a favore per mettere a disposizione delle Banche 20 miliardi di Euro.