Fisco, multe in arrivo per chi non accetta il bancomat: ecco quanto si rischia

PER APPROFONDIRE: bancomat, carte, fisco
Fisco, multe in arrivo per chi non accetta il bancomat: ecco quanto si rischia
Non accetti il bancomat? In arrivo una multa. È la novità che aspetta professionisti, negozianti e artigiani che dal 30 settembre saranno obbligati ad accettare pagamenti con bancomat e carte di credito. Come anticipato da Repubblica, le violazioni saranno punite, anche se con multe che non saranno durissime: l’ammonto della cifra sarà di 30 euro.

Già la Legge di stabilità dell’anno scorso prevedeva l’obbligo di dotarsi di Pos e il pagamento elettronico dai 5 euro in su: la nuova norma, allo studio dei ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico, aggiornerà quella precedente. Secondo i dati europei l’Italia è infatti indietro rispetto agli altri Paesi per quanto riguarda le somme pagate con carta e per il numero di operazioni.

Il Governo sta studiando anche sgravi fiscali per chi userà la carta per pagare, un “premio” in funzione anti evasione. Alcuni professionisti con partita Iva, come gli avvocati (normalmente pagati con bonifico) potrebbero però essere esentati dall’obbligo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 6 Agosto 2017, 10:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fisco, multe in arrivo per chi non accetta il bancomat: ecco quanto si rischia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-08-09 10:15:57
.....siamo americanizzati.....dove il contante e' del diavolo....! ...pero'..... faglielo capire agli asiatici che lavorano solo con contanti.....!
2017-08-07 16:50:58
Però: 1) l'utente è obbligato ad avere un conto corrente ed il bancomat te lo fa' pagare (la banca) così come quella "associazione" benefica (sempre la banca) per ogni operazione ti sottrae una somma (leggasi: pizzo); 2) si sta pensando di far pagare anche le spese minime (leggasi: caffè al bar): e giù ancora soldi; 3) vogliono controllare e, conseguentemente, anche poter prelevare i soldi dai nostri conti senza che possiamo fare nulla; 4) se io voglio fare un "regalo" ad una mia amica non lo posso più fare; 5) conclusione: perchè non ci mettono un chip sotto la scatola cranica per poterci controllare meglio? E' questa l'intenzione: evviva la democrazia!!!