Addio al contributo di solidarietà: meno tasse per i redditi oltre 300 mila euro

Addio al contributo di solidarietà: meno tasse per i redditi oltre 300 mila euro

di Luca Cifoni

Era stato introdotto dal governo Berlusconi nella torrida estate del 2011, mentre si scatenava la tempesta sul debito pubblico italiano. Il contributo di solidarietà a carico dei redditi al di sopra dei 300 mila voleva avere anche una valenza simbolica rispetto ai sacrifici richiesti alla generalità degli italiani (che divennero ancora più gravosi con il successivo esecutivo guidato da Mario Monti). Fu poi confermato per un triennio dal governo Letta a fine 2013. Ora in assenza di proroghe questo particolare tributo viene meno e non sarà applicato più a partire dall'anno d'imposta 2017: ciò vuol dire che viene pagato per l'ultima volta in questa stagione di dichiarazione dei redditi dai titolari di reddito d'impresa e da lavoro autonomo, mentre i lavoratori dipendenti dovrebbero aver ottemperato per l'ultima volta al loro obbligo già con il conguaglio di fine 2016.

Il contributo era fissato al 3 per cento della parte di reddito che eccede la la soglia dei 300 mila euro. In realtà però l'importo prelevato era pari a poco più della metà di questa percentuale, perché la legge aveva previsto che il contributo fosse deducibile ai fini dell'Irpef e delle addizionali locali. Inoltre erano escluse dal prelievo le quote di reddito già sottoposta ai contributi di solidarietà sulle pensioni in vigore negli scorsi anni. Sommando algebricamente tutti questi effetti, la Ragioneria generale dello Stato aveva quantificato in circa 150 milioni l'anno il sacrificio complessivo a questa platea di contribuenti. Una platea piuttosto esigua visto che in base alle statistiche sulle dichiarazioni dei redditi relative all'anno d'imposta 2015 ne facevano parte solo 34 mila persone.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 16 Giugno 2017, 19:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Addio al contributo di solidarietà: meno tasse per i redditi oltre 300 mila euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-18 13:35:39
Poveri ingordi, fate schifo. ....