Cannes sempre più al femminile: tra le registe c'è l'italiana Annarita Zambrano

PER APPROFONDIRE: cannes, cinema, donne, festival
Annarita Zambrano

di Ilaria Ravarino

Da zero a venti in cinque anni: cresce il numero di registe in cartellone a Cannes, nella speranza di seppellire per sempre l'annus horribilis 2012, primo e ultimo completamente al maschile. Il 16% dei film in concorso nella settantesima edizione del festival sono diretti da donne, il 28% nella categoria Un certain regard, e ad aprire la carica delle registe, oggi, c'è una vera fuoriclasse. Programmata fuori concorso con Sea Sorrow, Vanessa Redgrave debutta dietro alla macchina da presa con un documentario sulla crisi dei rifugiati, girato anche in Italia e ispirato alla storia del bambino siriano annegato in Turchia e immortalato da una foto simbolo nel 2015. «L'ho fatto semplicemente perché ho sentito che dovevo», il commento dell'attrice, regista esordiente a 80 anni.

Ma al festival, significativamente, parteciperanno anche due tra le registe più famose di Hollywood: Sofia Coppola in concorso con The Beguiled, thriller gotico con la sua attrice feticcio Kirsten Dunst, e la neozelandese Jane Campion, fino a oggi prima e unica donna ad aver vinto una Palma d'Oro a Cannes (nel 1993 con Lezioni di piano), autrice della serie tv presentata come evento speciale Top of The Lake. In concorso anche Lynne Ramsay con You Were Never Really Here, storia di un veterano di guerra e di una ragazza vittima della tratta, e la giapponese Naomi Kawase con Radiance. Fuori competizione la novantenne Agnès Varda con Visages, Villages, e tra le più giovani filmaker spunta il nome dell'esordiente Kristen Stewart, con il corto dalle atmosfere alla Malick Come Swim. 

Anche l'Italia ha un nome al femminile in squadra, con Annarita Zambrano in Un certain regard a dirigere la coproduzione franco italiana Dopo la guerra, storia di un ex-militante di estrema sinistra (Giuseppe Battiston) condannato all'ergastolo e fuggito in Francia.
Tante attrici, infine, sfileranno oggi sul tappeto rosso, nel giorno della presentazione della giuria (tra le giurate Jessica Chastain, la regista Maren Ade, le attrici Fan Bingbing e Agnès Jaoui) e del film d'apertura Les fantômes d'Ismaël di Arnaud Desplechin, con Marion Cotillard e Alba Rohrwacher.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 17 Maggio 2017, 09:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cannes sempre più al femminile: tra le registe c'è l'italiana Annarita Zambrano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti