Biglietti a ruba su TicketOne, David Zard: «Ecco come funziona la "truffa legalizzata"»

PER APPROFONDIRE: antitrust, coldplay, david zard, ticketone
Biglietti a ruba su TicketOne? «Ecco come funziona la "truffa legalizzata"»
«È inutile raccontare balle: quando garantisci all'artista una cifra iperbolica per il tour, che è pari al 90% o addirittura al 100% del previsto introito dei biglietti del mercato 'primario' è chiaro che, non essendo un promoter un ente di beneficenza, i conti non tornano. O meglio tornano solo con i grandi incassi del mercato secondario». Non fa giri di parole David Zard, storico impresario musicale che si definisce «ormai quasi in pensione» ma che ha organizzato alcuni tra i più grandi tour italiani di star internazionali tra gli anni '80 e '90 (a partire dal Bad World Tour di Michael Jackson), nel commentare l'istruttoria aperta dall'Antitrust sul fenomeno dei rapidi sold out seguiti dalla disponibilità dei biglietti sul mercato secondario.

«Anche se tutti fanno finta di cadere dalle nuvole - afferma Zard - il cosidetto secondary ticketing è organizzato al livello internazionale dai più grandi promoter musicali, che in questo modo sono riusciti quasi a monopolizzare il mercato perchè garantiscono introiti enormi agli artisti che nessun altro riesce a garantire. Sono grandi multinazionali, con sedi fiscali non in Italia, che apparentemente non violano alcuna legge. Ma che di fatto organizzano una truffa legalizzata ai danni del pubblico, che finisce per pagare un biglietto fino a 1000 euro. Una cosa da pazzi, da codice penale. Eppure basterebbe un regolamento ben fatto e con le moderne tecnologie sarebbe facile da stroncare, con la tracciabilità informatica», sottolinea Zard, che in passato si era fatto promotore di una proposta di legge proprio contro questo fenomeno.

D'altronde Zard conosce nbene luci e ombre dello scenario della musica live: «Quando organizzavo concerti combattevo i bagarini e infatti mi tagliarono tre volte le gomme e una volta la cappotta dell'auto... Questo è il bagarinaggio di nuova generazione». Da quando il fenomeno del secondary ticketing ha cominciato ad affermarsi con prepotenza, da circa 5-6 anni in Italia, Zard sostiene di aver fatto delle verifiche di persona a dimostrazione che si tratta di un mercato organizzato e non di qualche privato che non può andare ad un concerto e rivende i biglietti già acquistati: «Trovavo un inserzione per 2 biglietti in vendita, gli scrivevo da 4 mail differenti e tutte le richieste venivano esaudite. Quello non era un privato, era qualcuno che di biglietti ne aveva ben più di due da vendere....».

Secondo Zard il fenomeno sta diventando dilagante perché «chi non si adegua muore: ne parlo spesso con mio figlio che lavora per Vivo Concerti, una realtà non enorme ma importante. I suoi artisti vengono contattati dalle grandi multinazionali che gli promettono degli incassi per i tour che chiunque non ricorra al mercato secondario non può garantire... Allora rischi di perdere tutti gli artisti, o rischi di cominciare a giocare sporco anche tu...». Eppure, secondo Zard, ci sarebbe una via legale per aumentare gli introiti e da alcuni viene già perseguita con successo: «Per esempio vendere ad un prezzo più alto dei biglietti che danno diritto ad un meet and greet o ad una cena con l'artista. Ma purtroppo questi metodi non garantiscono gli enormi ricarichi del secondary ticketing... L'ingordigia distrugge qualunque cosa», conclude.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Ottobre 2016, 15:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Biglietti a ruba su TicketOne, David Zard: «Ecco come funziona la "truffa legalizzata"»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-10-20 00:00:15
se questo è vero, ticketone dev'essere per forza connivente, perchè non è possibile che dieci minuti dopo l'apertura delle prevendite online di un qualsiasi grande concerto, i posti migliori risultino puntualmente sempre tutti esauriti
2016-10-20 15:22:24
hai scoperto l'acqua calda;) eccerto che lo è!