Cocaina dalla Colombia: in manette il
figlio del luogotenente di Felice Maniero

Una ventina di arresti in 4 regioni con l'impiego di 400 militari
L'organizzazione, tutta di italiani, operava col clan dei Casalesi

Sequestro di cocaina della Dia (archivio)
PADOVA - Gli eredi della mala del Brenta gestivano un grosso giro di droga dalla Colombia. Un'organizzazione italiana di trafficanti di cocaina è stata sgominata dai carabinieri che dall'alba di oggi hanno eseguito 18 arresti emessi in 4 regioni: Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Puglia.

Al vertice dell'organizzazione criminale c'era Massimo Trosa, 41enne residente a Cittadella, figlio di Salvatore Trosa, ovvero il braccio destro di Felice Maniero ai tempi della "mala del Brenta". La cocaina veniva portata in Italia dalla Colombia tramite corrieri ecuadoregni a servizio dell'organizzazione, che si affidava a elementi del clan dei Casalesi per il recupero del denaro per le "partite" non pagate.

L'operazione, epilogo di due anni di indagine, vede impegnati circa 400 militari dell'Arma tra le province di Padova, Venezia, Vicenza, Verona, Rovigo, Ferrara, Ravenna, Pisa e Brindisi, dove si stanno eseguendo le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Venezia Roberta Marchiori su richiesta del pm Rita Ugolini dell'Antimafia.

L'operazione, denominata "Persicus", è stata resa possibile grazie alla collaborazione con la Direzione centrale per i servizi antidroga (Dcsa) di Roma, che ha permesso di eseguire decine di arresti in flagranza; di sequestrare ingenti quantitativi di cocaina, un arsenale di armi (da guerra ma anche altre di fabbricazione artigianale) ed esplosivi.

I carabinieri hanno sequestrato una grande quantità di cocaina, un arsenale di armi (da guerra e di fabbricazione artigianale), esplosivi, contanti per oltre 100 mila euro e quattro auto di lusso. La droga veniva venduta a costi dai 50 ai 95 euro al grammo per la cocaina, a seconda del cliente e della qualità (la migliore era definita in gergo: "5 stelle"). Lo spaccio avveniva soprattutto all’interno di un circolo ricreativo di Padova vicino ad un oratorio e ad una chiesa.

Indagine durata quasi tre anni. Con l'operazione Persicus i militari hanno disarticolato un'organizzazione che riusciva a piazzare decine di chili di cocaina purissima sulle piazze del nord Italia. La Dda ha chiuso il cerchio dopo che i carabinieri di Padova hanno ricostruito con precisione ruoli e funzioni degli arrestati anche facendo infiltrare due militari che hanno sostenuto il ruolo di acquirenti di partite sempre più importanti di droga. Tra gli arrestati c'è Massimo Trosa, 41 anni di Cittadella, che è figlio di quel Salvatore luogotenente di Felice Maniero che era con il boss del Brenta al largo dell'isola di Capri quando «faccia d'angelo» venne arrestato. Altra figura di spicco è Giuliano Vallese, già arrestato per possesso di armi illegali, in parte fabbricate dallo stesso arrestato. Vallese è sospettato di essere il leader dell'organizzazione, che aveva in Gaspare Orazio Iraci un altro protagonista che appena uscito dal carcere nascondeva la droga e le armi in una struttura che durante il giorno ospita anziani non autosufficienti. I carabinieri, nel corso delle diverse fasi dell'indagine, hanno sequestrato 95 mila euro e cinque autovetture di grossa cilindrata nonché pistole e fucili.

Altri destinatari dei provvedimenti di custodia cautelare sono: Francesco Ferrari, 59 anni; Luigi Sacramati, 62 anni; Romeo Giacon, 63 anni; Mario Angiolini, 51 anni; Giancarlo Colombari, 70 anni; Vincenzo Scardovi, 52 anni; Attalo Prandi, 62 anni; Davide Merlin, 39 anni; Giovanni Pinna, 64 anni, Marco Bortoloso, 41 anni e Gianluca Barbato, 37 anni.

venerdì 15 giugno 2012



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cocaina dalla Colombia: in manette il
figlio del luogotenente di Felice Maniero

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 commenti presenti
Indietro
Avanti