Terremoto di magnitudo 4.5 nella notte
fra Belluno e Pordenone: paura a Nordest

Avvertito in varie province, gente in strada. Preceduto
da un boato, l'epicentro fra Claut e Chies d'Alpago
Audio: i radioamatori diffondono l'allarme

La zona del terremoto di stanotte (dall'Ingv)
VENEZIA - Un terremoto di magnitudo 4.5, con epicentro in Alpago, fra le province di Belluno e Pordenone, è stato registrato dai sismografi questa notte alle 4.04. Si tratta del terremoto più forte registrato a Nordest dopo quello che nel luglio del 2011 aveva colpito la provincia di Rovigo (4.7), più intenso di quello (4.2) che il 29 ottobre 2011 aveva provocato danni ad alcuni edifici civili e chiese fra Verona e Trento.

Il sisma è stato preceduto da un boato e l'epicentro esatto è stato, secondo i dati dell'Ingv, in comune di Claut (Pordenone), in corrispondenza della freccia verde, vicino al territorio di Chies d'Alpago (Belluno) a una profondità di 7.1 chilometri. La Protezione civile si è subito attivata per accertare se ci siano stati danni.

Controlli anche da parte di vigili del fuoco e dell'Enel (in zona ci sono diversi bacini idrici e centrali) che non hanno segnalato danni di rilievo. «C'è qualche cornicione con alcune crepe, qualche copertura da verificare e qualche camino che può cadere - dice Loredana Barattin, sindaco di Chies - ma nella sostanza di danni non si può parlare. Un po' più critici alcuni rari, vecchi edifici alle pendici del monte Teverone».

Ascolta i radioamatori che questa notte, pochi minuti dopo la scossa, diffondono l'allarme:



Su Twitter i messaggi con l'hashtag #terremoto hanno cominciato subito ad arrivare a decine, così come sul sito di Gazzettino.it. Per ora sembra che il sisma sia stato avvertito distintamente, oltre che nelle province di Pordenone e Belluno, anche in tutto il Friuli Venezia Giulia, nel Trevigiano e nel Trentino. Segnalazioni sono arrivate anche da Venezia e da Vicenza. Ci sono state numerose chiamate ai numeri telefonici di emergenza e molte persone sono scese in strada, ma per ora non si segnalano danni, anche se per fare un bilancio credibile bisognerà attendere le verifiche alla luce del giorno.

E proprio su Twitter Lorenzo Franchini ha subito segnalato, mettendo il link alla mappa, che secondo l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia la zona del terremoto di questa notte è una di quelle a più alto rischio sismico in tutto il Nordest.

sabato 9 giugno 2012



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Terremoto di magnitudo 4.5 nella notte
fra Belluno e Pordenone: paura a Nordest
I commenti su questo articolo sono chiusi.
CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER
I commenti su questo articolo sono chiusi.
0 commenti presenti
Indietro
Avanti