Terremoto, via agli interventi in Polesine:
esenzioni dai ticket e fondi per le chiese

La Regione concede prestiti a tasso zero alle imprese
che rischiano il blocco delle attività a causa del sisma

Intervento in una chiesa danneggiata (archivio)
VENEZIA - Interventi straordinari per i centri, le popolazioni e le imprese colpite dal sisma anche in Polesine. Mentre le scosse continuano a incutere paura anche in Veneto, enti, associazioni e privati hanno messo in moto la catena della solidarietà. Il governatore Luca Zaia annuncia l'esenzione dal pagamento dei ticket sanitari per sfollati e persone danneggiate dal sisma e intende dirottare i finanziamenti regionali per il restauro degli edifici di culto privilegiando le chiese danneggiate dal sisma.

Credito con Veneto Sviluppo. Intanto l'assessore regionale Isi Coppola ha predisposto tramite Veneto Sviluppo linee di credito a tasso zero per le imprese che rischiano il blocco delle attività e l'assessore ai lavori pubbilci Massimo Giorgetti ha avviato la ricognizione sui danni provocati dal sisma a scuole, monumenti ed edifici pubblici lesionati dal sisma nelle diverse province venete. Le case di riposo della regione hanno offerto cento posti per accogliere a titolo gratuito anziani e non autosufficienti delle zone terremotate, la Coldiretti sta organizzando la vendita straordinaria delle forme di grana padano travolte dal crollo dei magazzini e le imprese del Veronese mettono a disposizione i propri capannoni per dare continuità alle attività produttive della vicina Emilia. Ma sulla gestione dell'emergenza terremoto non mancano le polemiche. Il consigliere regionale polesano Cristiano Corazzari (Lega) accusa il governo di aver trascurato il Polesine, perché lo stato di emergenza è stato proclamato solo per cinque comuni, Ficarolo, Fiesso, Gaiba, Occhiobello e Stienta, trascurando gli altri sei che hanno subito danni. E Graziano Azzalin, consigliere del Pd, sollecita governo e Parlamento a bloccare subito ogni progetto di prospezione e ricerca di idrocarburi nella pianura Padana, dando ascolto alla richiesta di stop totale alle trivelle approvata cinque mesi fa dal Consiglio veneto.(

giovedì 7 giugno 2012



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Terremoto, via agli interventi in Polesine:
esenzioni dai ticket e fondi per le chiese

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 commenti presenti
Indietro
Avanti