Corona bacchetta Napolitano: «Va fino
a Porzûs, ma come tutti scorda il Vajont»

Il presidente incontrerà i sindaci dei comuni colpiti dal disastro
del '63. «Nessuno è mai salito a Erto, diriga il corteo qui»

Mauro Corona (archivio)
PORDENONE - «Il presidente della Repubblica farà omaggio alle vittime di Porzûs e del terremoto del 1976, ma ancora una volta nessuno salirà ad Erto per commemorare i duemila morti del Vajont». Sono amare le parole dello scrittore Mauro Corona che commenta la visita di Giorgio Napolitano in Friuli nei prossimi giorni.

Erto "dimenticato" dalle autorità. «Nessuno mai nella storia - aggiunge Corona - è salito a Erto, né principi, né Papi, né Capi di Stato o di Governo. Nove anni fa Ciampi si fermò alla famigerata diga. Sarebbe ora che qualcuno colmasse questa lacuna e venisse a omaggiare le migliaia di persone che hanno perso la vita per interesse e ambizione altrui».

Napolitano incontrerà, mercoledì prossimo a Pordenone, in un colloquio privato, i quattro sindaci delle comunità più colpite dal disastro del 1963, causato dalla frana precipitata dal monte Toc nel bacino artificiale, con la conseguente ondata assassina. «Dimostri che è un grande presidente - è l'appello di Corona - e diriga il corteo verso Erto, senza nemmeno avvisare nessuno. Vedrà coi suoi occhi e senza mediazioni cos'è accaduto e cosa è rimasto di quell'immane tragedia. I valligiani, i superstiti e le famiglie delle vittime lo aspettano a braccia aperte», conclude.

lunedì 28 maggio 2012



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Corona bacchetta Napolitano: «Va fino
a Porzûs, ma come tutti scorda il Vajont»
I commenti su questo articolo sono chiusi.
CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER
I commenti su questo articolo sono chiusi.
0 commenti presenti
Indietro
Avanti