Presidente Napolitano, il governo Monti
fa crescere soltanto malessere e incertezza

Caro Presidente Napolitano,
spero che qualcuno le farà leggere queste poche righe. Non voglio discutere con Lei sul metodo che si e' usato per affidare al sig. Monti il governo del paese perché Lei da statista e' perfettamente conscio dell'incostituzionalità della cosa in quanto si e' tolto al popolo italiano l'unico vero diritto che possiede; il diritto di voto.

Vorrei pero' chiederle se e' perfettamente conscio di quanto sta accadendo in questo paese ogni giorno? Se lei sa che il sig. Monti tenendo sotto ricatto il Parlamento che ha paura di essere mandato a casa dal popolo sovrano, sta affamando il popolo né più né meno di un qualsiasi dittatore del Sudamerica o del Nordafrica aumentando tasse esistenti, mettendo nuove tasse, riducendo se non cancellando il potere di acquisto dei cittadini italiani; e tutto questo perché, per farci belli davanti all'Europa, per rientrare nei parametri, per ripianare un debito pubblico che non ha uguali al mondo e causato da una classe politica scellerata che ha sgovernato il paese per cinquant'anni anche con la complice astensione del partito che l'ha vista fino a qualche anno fa tra i suoi maggiori esponenti.

Ma per non divagare mi piacerebbe sapere se ad oggi, visti i risultati, tutto ciò che sta facendo Monti serve a qualcosa: lo spread dopo un primo calo e' tornato a salire, la borsa un giorno sì e due no crolla, le aste dei titoli di stato funzionano solo se si pagano interessi consistenti e nel frattempo la gente e' terrorizzata perché alla terza settimana del mese gli stipendi sono esauriti, gli imprenditori specialmente quelli piccoli si suicidano perché non riescono a far fronte alla crisi e proprio in questo momento le banche amiche di Monti e della comunità europea chiudono i rubinetti e lasciano, mi passi il termine, con il culo per terra, chi in questo momento avrebbe bisogno di aiuto.

Poi lei sig. Presidente Napolitano mi spiegherà come si fa ad aiutare la crescita del paese se le banche non prestano i soldi agli imprenditori ma nemmeno a chi vorrebbe comprare una casa.

Allora il popolo e' disposto ai sacrifici quando vede che i primi a farli sono i suoi governanti, cosa che non accade, tutti ricordiamo i proclami di Monti sui tagli alla casta, alla politica, agli sprechi della pubblica amministrazione e quelle parole avevano rincuorato un popolo sull'orlo del baratro ma purtroppo ad oggi non si e' visto nulla di nuovo sul fronte dei sacrifici alle varie caste, anzi l'impressione e' che su questo fronte i super tecnici ci stiano prendendo in giro e purtroppo sig. Presidente lei e' loro complice.

Il malessere crescente, l'insoddisfazione serpeggiante, l'incertezza del futuro e purtroppo l'aumento della povertà sono sentimenti che stanno covando ormai da tempo e possono portare il paese verso una deriva rivoluzionaria, che come abbiamo visto in tempi recenti e in paesi non lontani da noi, sono stati causa di ulteriori sciagure e lutti che hanno portato alla fine di certe democrazie.

Sperando di non arrivare a quel punto sig. Presidente e per la stima che ho nei suoi confronti, la invito a far si che le preoccupazioni che attanagliano gli italiani possano quanto prima essere mitigate e sostituite dalla speranza in un futuro migliore che ad oggi appare lontanissimo se non invisibile.

Roberto Paladin

Domenica 15 Aprile 2012



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Presidente Napolitano, il governo Monti
fa crescere soltanto malessere e incertezza

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 commenti presenti
Indietro
Avanti