L'autobus riparte e il passeggero non
riesce a scendere: pestato l'autista

L’aggressione domenica sul bus partito da piazzale Roma e
diretto a Mirano. Episodio simile in maggio a Camponogara

L'autista del bus Ŕ uscito dall'ospedale con un braccio ingessato

di Monica Andolfatto

VENEZIA - A cercare di sottrarlo alla furia dell’aggressore che lo colpiva a calci e pugni anche quando era steso a terra, sono stati quattro passeggeri cingalesi. Solo l’arrivo della volante, allertata dalla centrale operativa del 113, ha messo fine all’assurdo pestaggio cui è rimasto vittima domenica sera un autista Actv che dopo due giorni all’ospedale si ritrova addirittura con un braccio ingessato.

╚ da poco passata la mezzanotte.
Il bus snodato 606 diretto a Mirano Ŕ appena partito da piazzale Roma. Al volante M.B. 47 anni, miranese, dipendete dell’azienda comunale di trasporti. Suona la richiesta di stop alla prima fermata una volta imboccato il Ponte della LibertÓ. Si ferma apre la porta centrale, attende qualche minuto, ma nessuno esce. Riprende la corsa. Il mezzo pubblico Ŕ piuttosto affollato. Ed Ŕ allora che un uomo comincia a inveire e a gridare dirigendosi verso di lui, offendendolo a male parole e urlandogli di fermarsi immediatamente. Il conducente allora tenta di spiegargli che deve attendere la tappa successiva, quella di via Righi. Ma una volta arrivati l’esagitato invece di andarsene piomba sull’autista e comincia a strattonarlo.

M.B. scende e una volta in strada si prende un pugno in pieno volto.
╚ il prologo della brutale violenza. I poliziotti identificano il suo aggressore: si tratta di O.P. 42 anni, nato a Cagliari, dovrÓ rispondere anche di interruzione di pubblico servizio oltre che di lesioni a incaricato di pubblico servizio. źSi tratta di un fatto molto grave - commenta Giampiero Antonini, coordinatore Usb Venezia - che dimostra ancora una volta quanto gli autisti Actv siano in balýa del balordo di turno. Dove sono le telecamere e i sistemi di sicurezza propagandati dall’azienda? Ormai Ŕ uno stillicidio. La Prefettura era a conoscenza di questo episodio mentre alcuni dirigenti Actv presenti all’incontro sono letteralmente caduti dalle nuvole╗.

Risale allo scorso 30 maggio un altro episodio analogo accaduto in via Calcroci a Camponogara: anche in questo caso, ad avere la peggio l’autista del bus Actv, R.M., che si Ŕ beccato un pugno dritto in faccia da un ragazzo e che ha richiesto l’ausilio dei carabinieri.

giovedý 6 giugno 2013



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'autobus riparte e il passeggero non
riesce a scendere: pestato l'autista

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 commenti presenti
Indietro
Avanti