Ragazzo disabile "disturba" in chiesa
Il vescovo lo caccia: «Meglio se lo
portate fuori, qui lui non sta bene»

PER APPROFONDIRE: disabile, rovigo, vescovo
Ragazzo disabile  "disturba" in chiesa  Il vescovo lo caccia  durante la messa

di Franco Pavan

ROVIGO - Fatto uscire di chiesa perché disturbava la funzione religiosa. Solo che non si trattava di una messa qualsiasi. Era la cerimonia solenne dei cresimandi tra i quali c'era anche il fratello 15enne. E lui, Massimiliano, 25enne di Pontecchio, il ragazzo che il papà è stato costretto ad accompagnare fuori di chiesa, non è un ragazzo qualsiasi. E' un giovane disabile grave che però sa relazionarsi con tutti e che per le sue difficoltà riceve sempre ovunque l'attenzione e l'affetto dei suoi cari e di amici e conoscenti. Purtroppo, neppure il celebrante era un prete qualsiasi. Ad allontanare Massimiliano è stato il vescovo che ha concelebrato la cresima di domenica scorsa a Pontecchio.

Succede tutto mentre il presule ha la parola. Massimiliano, felice di trovarsi tra gli amici, urla e batte le mani.



Il vescovo si ferma e chIede: "Posso continuare?"

Il ragazzo disabile dopo poco si fa ancora sentire. Il papà resosi conto della situazione spinge la carrozzina di Massimiliano verso l'uscita seguito dal commento del capo della chiesa polesana al microfono dell'altare: "Sì ecco forse è meglio se lo portate fuori. Qui lui non sta bene"...





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 23 Maggio 2015, 08:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ragazzo disabile "disturba" in chiesa
Il vescovo lo caccia: «Meglio se lo
portate fuori, qui lui non sta bene»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 114 commenti presenti
2016-06-21 16:07:53
Perbenisti buonisti baciamani che non siete altro, se è disabile ha il diritto di disturbare secondo voi ???
2015-06-04 09:20:48
E allora? mai detto il contrario.
2015-06-04 09:19:44
Speriamo sia così!
2015-06-01 16:06:01
E se il tuo dio non esistesse facciamo come ulisse con polifemo? nessuno ti ama nessuno. ahahahahahaha Che discorsi provinciali.. Ognuno ha la sua religione ed ognuno può non averla.
2015-05-25 17:58:12
“Amarmi significa amare” è una poesia molto bella, Loretta, e… se il mondo non è pronto… tanto peggio per il mondo (P.S. - Complimenti per la sua tesi).Nello specifico dell’articolo, però , mi consenta di “sposare” il commento del Sig. Enzo Perin 21:13:57, 2015-05-23, anche se sono sicuro che Lei è degna (più che degna!) di stima. Un saluto sincero, anche se anonimo.