Il Leone d'oro al venezuelano Vigas
Coppa Volpi a Valeria Golino

PER APPROFONDIRE: leone doro, mostra cinema, venezia
Leone d'oro a Desde Allá, Coppa Volpi alla Golino
VENEZIA - Il vincitore del Leone d'oro della 72. edizione della Mostra del cinema di Venezia è il film Desde Allá (From afar) del venezuelano Lorenzo Vigas.



Il Leone d'argento per la migliore regia è l'argentino Pablo Trapero per il film El Clan. Gran Premio della Giuria ad Anomalisa di Charlie Kaufman e Duke Johnson (Usa)







Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile a Valeria Golino per la sua interpretazione in Per amor vosto di Giuseppe M. Gaudino. Per la Golino è un bis alla Mostra di Venezia: aveva già vinto la Coppa Volpi nell'86 per Storia d'amore di Citto Maselli, e stasera lo ricorda confessando di provare, «nonostante la consapevolezza diversa, la stessa infantile, ingenua, allegria di allora. Non cambia niente, spero che sia sempre così. Sono molto contenta per me».



La Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile è andata invece a Fabrice Luchini per la sua recitazione nel film L’Hermine di Christian Vincent (Francia).



Premio speciale della Giuria a Abluka (Frenzy) di Emin Alper (Turchia, Francia, Qatar). Premio per la miglior sceneggiatura a Christian Vincent per il film L’Hermine di Christian Vincent (Francia). Premio Mastroianni per il miglior attore emergente va a Abraham Attah per la sua recitazione in Beasts of no nation di Cary Fukunaga



Va a "Free in Deed" di Jake Mahaffy (Usa, Nuova Zelanda) il Premio Orizzonti per il miglior film. Lo ha stabilito la Giuria Orizzonti presieduta da Jonathan Demme e composta da Anita Caprioli, Fruit Chan, Alix Delaporte e Paz Vega dopo aver visionato i 34 film in concorso. Il Premio Orizzonti per la migliore regia va Brady Corbet per 'The Childwood of a Leader' (Regno Unito, Ungheria), mentre il Premio Speciale della Giuria Orizzonti va a 'Boi Neon' di Gabriel Mascaro (Brasile, Uruguay, Paesi Bassi). Il Premio Orizzonti per la Miglior Interpretazione va a Dominique Leborne nel film 'Tempete' di Samuel Collardey, mentre quello per il Miglior cortometraggio va a 'Belladonna' di Dubravka Turić (Croazia).



Il Leone del futuro Venezia Opera Prima Luigi De Laurentis, assegnato dalla giuria presieduta da Saverio Costanzo, va a The Childhood of a Leader di Brady Corbet (Regno Unito, Ungheria).



Ispirare le politiche europee «ai valori del rispetto, della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, anche delle minoranze, in uno scenario caratterizzato dalla non discriminazione, della tolleranza, dalla giustizia, dalla solidarietà e della parità tra uomini e donne»: è il senso dell'appello For a 1000 Lives - Be Human, rivolto ai governi e all'Unione Europea, che Saverio Costanzo, ha rilanciato dal palco a nome della stessa Biennale, invitando anche il mondo dello spettacolo a mobilitarsi.






Segui la Mostra del cinema con Alda Vanzan



Sabato 12 Settembre 2015, 19:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Leone d'oro al venezuelano Vigas
Coppa Volpi a Valeria Golino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti